<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Life In Extra

Francesco Pini

Francesco Pini

Laureato con lode alla specialistica in "Marketing e Ricerche di Mercato" dell'Università di Pisa, è appassionato di nuove tecnologie ed è un lettore incallito di thriller e fantasy. Certificato HubSpot, si occupa da inizio 2017 di Inbound Marketing all'interno del Gruppo Extra per aziende B2B. "Non ci sono misteri... C'è soltanto l'insufficienza di dati o della mente." (Paul Valéry)
Segui Francesco Pini su

Life in Extra time: dal computer al pallone

Francesco Pini,

Chi segue il nostro profilo Instagram LifeInExtra sa già che da noi ogni occasione è buona per festeggiare e farci una bella scorpacciata: compleanno, laurea, nascita di un figlio, onomastico del commercialista, anniversario dell'idraulico… vabbè non esageriamo.

Il punto è: come buttar giù tutte queste calorie? C'è chi va in palestra durante la pausa pranzo e il problema non se lo pone. Gli altri… con l'arrivo del bel tempo hanno deciso di organizzare un triangolare di calcetto! Vuoi sapere chi ha vinto?

Leggi di più...

League of Extra: il teamwork anche nei videogame!

Francesco Pini,

 

La forza di Extra, si sa, sta nel gruppo. Un gruppo che si distingue per le tante passioni, le competenze e gli stili differenti.

Ma una cosa sicuramente accomuna tutti in Extra: nessuno può fare a meno del computer! Ci occupiamo di programmazione, digital marketing, system integration e tanto tanto altro, ma il computer non viene utilizzato solo per lavoro.

In un’azienda così, infatti, poteva mancare la passione per i videogiochi?

C’è chi dice che la vita è un gioco, c’è chi preferisce simulare la realtà immergendosi in una virtual life (prendi The Sims, per esempio), ma noi in Extra cerchiamo di essere noi stessi in tutto ciò che facciamo, che si tratti di un progetto di lavoro oppure… un videogame!

Leggi di più...

Sostieni anche tu "i Bambini delle Fate"

Francesco Pini,

Ricordi come passavi le giornate quando eri piccolo? Ridere e scherzare con i compagni di classe, uscire a fare un giro con gli amici, praticare lo sport preferito: sono tante le cose che possono fare i bambini e i ragazzi con i propri coetanei, immergendosi in un mondo fatto di affetti e divertimento!

Non tutti però riescono a esprimere le proprie passioni, le proprie intenzioni, il proprio amore come vorrebbero. È il caso dei ragazzi affetti da autismo, che si manifesta in loro sin dai primi anni di vita ed è caratterizzato dal mancato sviluppo di relazioni sociali e affettive.

Immagina di dover andare da qualche parte e di prendere la macchina. Quando la apri, parte il clacson. Metti in moto e ingrani la prima, ma la macchina va in retromarcia. Vuoi girare a sinistra, ma invece la macchina va a destra. Immagina ora che questa macchina sia il tuo corpo. I ragazzi affetti da autismo sono esattamente così: hanno un corpo che non risponde ai loro comandi. (Franco Antonello, fondatore de "i Bambini delle Fate")

Messi ai margini dalla società, questi bambini (quindi ragazzi, quindi adulti), sono destinati a una vita difficile e solitaria. Ma c'è chi non ci sta. Chi non si rassegna e non vuole girare la testa di fronte ai gravi problemi che affliggono i ragazzi autistici.

Così, proprio con l'obiettivo di venire in aiuto a questi ragazzi e alle loro famiglie, è nata l'associazione "i Bambini delle Fate".

Leggi di più...

Share this post

  

Commenti

Condividi questo blog