Life In Extra

Un viaggio alla scoperta dell'Iran: le tappe dei primi giorni

Leonardo Paolino,

Mountain bike_Iran_Life in Extra

Ci siamo quasi, - 2 alla partenza!

Ci aspettano città da visitare, villaggi da scoprire e panorami naturali che con la loro bellezza ci faranno mancare il fiato.

Prima di partire, ci tenevo ad aggiornarvi e a condividere con voi quello che sarà l'itinerario previsto per i primissimi giorni del viaggio, durante i quali saranno necessari dei trasferimenti in automobile (circa 800 km) prima di dare il via all'avventura in sella alle nostre mountain bike!

Come già anticipato con il post di ieri, la nostra avventura partirà da Teheran dalla quale, passando per Abyaneh e Shiraz, arriveremo a Persepolis, dove avrà inizio la bike-adventure. Vediamo meglio nel dettaglio quali saranno le nostre tappe per i primi tre giorni:

1. Teheran

Teheran (scritto anche Tehrān, تهران in persiano) è situata nel nord del paese, ai piedi dei monti Elburz, ed è da lì che avrà inizio il nostro avventuroso viaggio.

Teheran ha visto la sua popolazione aumentare progressivamente da quando è diventata capitale, in seguito al cambio della dinastia nel 1786, e con 8.429.807 abitanti stimati nel 2015 è la più grande città dell'Iran.

Durante il nostro breve soggiorno nella capitale, ammireremo il Nature Bridge (Tabiat Bridge), opera d'ingegneria moderna ideata da una giovane architetta iraniana, che permette una passeggiata nel verde sopra il caos della grande città, con una vista mozzafiato. Visiteremo, inoltre, la Torre Milad (detta anche Borj-e-Milad), la più alta torre dell'Iran e la sesta torre più alta del mondo, il complesso di Sa'dabad e la Azadi Tower, precedentemente conosciuta come Shahyād Āryāmehr ("Torre commemorativa del Re"), che segna l'ingresso alla città.

Tabiat_bridge_Life in Extra

2. Abyaneh

La seconda località dove sosteremo sarà Abyaneh, un villaggio di montagna vicino Natanz, nella provincia di Esfahan, in Iran. Il villaggio è uno dei più antichi in Iran e attrae numerosi turisti iraniani e stranieri per tutto l'anno, soprattutto durante le feste e le cerimonie tradizionali.

Lì, sarà possibile ammirare il caratteristiche colore ocra delle case, legato al terreno ricco di ossidi di ferro, i colorati costumi tradizionali indossati dalle donne del paese, le cui origini sono molto antiche, ed una fortezza sassanide che domina il borgo poco distante dal paese.

Consapevole del valore del patrimonio del paese, che è tra i più antichi del mondo, l'Organizzazione del patrimonio culturale dell'Iran ha lanciato dal 1995 un programma di restauro delle case, alcune delle quali sono in cattive condizioni. Dal giugno 2005, il villaggio è stato sottoposto a degli scavi archeologici per la prima volta in assoluto, a seguito di un accordo tra l'Abyaneh Research Center e il Centro Ricerche Archeologiche del Patrimonio e del turismo dell'Organizzazione iraniana della cultura (Ichto). Insomma, un piccolo villaggio che racchiude dalle preziose vestigia culturali.

Abyaneh_Life in Extra

3. Shiraz

Il terzo giorno raggiungeremo in auto Shiraz; Capitale della Persia durante la dinastia Zand dal 1750 al 1794, è nota per essere il luogo natale di due grandi poeti iraniani, Hafiz (حافظ ) and Saadi(سعدی ), e la città di origine del famoso vitigno Syrah. In questa bellissima città, visiteremo il giardino di Eram, la moschea e il Bazar di Vakil, il bazar principale di Shiraz, situato nel centro storico della città.

Eram Garden_Life in Extra

Da qui saliremo in sella alle nostre mountain bike, ma non voglio anticiparvi altro: vi racconterò tutto dettagliatamente nei prossimi giorni. Tenetevi aggiornati!

 

Share this post

   

Commenti

Condividi questo blog