<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=147485065963339&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Magnet Blog

Come utilizzare i blog per la Lead Generation in 8 passaggi

Hossein Moghaddam,

[Articolo di Gennaio 2017 - AGGIORNATO ]

Come usare i blog per la lead generation

Il tuo obiettivo è quello di aumentare il numero di visite sul tuo sito web? Allora la creazione di un Blog può essere un ottimo strumento per facilitare il raggiungimento di tale obiettivo. Infatti, ciò che un blog fa è aiutarti nell'attrarre nuovi visitatori sul tuo sito web e successivamente consente di trasformarli in veri e propri contatti (Lead Generation).

 

Scopri i migliori 30 trucchi per generare Lead!

 

Di seguito, andrò a delineare esattamente ciò che dovrai fare per dar vita a un blog per la generazione di contatti. Prometto che sarà semplice e sicuramente facile da implementare nella tua strategia di Inbound Marketing.

1. La parola d'ordine è pianificare!

Il primo passo da muovere quando si crea un blog è sapere cosa scrivere, quindi, tutto quello di cui avremo bisogno sarà la realizzazione di un piano iniziale (plan) che coprirà tutti gli argomenti trattati di seguito, essenziali per ottenere un blog vincente.

Uno strumento che in questo caso può esserci di aiuto è la creazione di una mappa mentale, indispensabile per chi come te lavora online, soprattutto nel settore web marketing. Ci sono decine di strumenti per creare mappe mentali, come ad esempio MindMup o MindMeister, ed ognuno ha caratteristiche diverse; sta a te decidere quale utilizzare.

2. Delineare il profilo del tuo cliente tipo o Buyer Persona
Identificare la Buyer Persona

La Buyer Persona è la rappresentazione generica del tuo cliente ideale. Dobbiamo tenere sempre a mente chi è o chi sono, in modo da poter rispondere alle loro domande e ai problemi a cui stanno cercando risposta. Ecco un esempio di un potenziale cliente per una società di decorazione d'interni:

Angela è una signora di 35-45 anni, mamma di due bimbi che vive in periferia. Lei cerca sempre di trovare un modo per rendere migliore l'aspetto della sua casa e la sua sfida principale è quella di decorare la sua casa entro un certo budget pur non essendo un'esperta designer d'interni. Naviga spesso online dal suo pc per trovare nuove idee.

3. Ricerca ed ottimizzazione di parole chiave (keywords)
Utilizzare keywords nei post

Individua quali sono le parole chiave maggiormente utilizzate dal tuo pubblico di riferimento, imitando il linguaggio che le tue buyer persona utilizzerebbero. Anche in questo caso esistono alcuni software che ti aiuteranno a generare parole chiave con un più alto grado di popolarità. Ciò che dovrai fare sarà metterti nei panni del tuo cliente ideale e provare a generare una parola chiave primaria (Primary Keyword) e una più specifica parola chiave (Long-tail Keyword). Entrambe dovranno essere presenti nel testo, nel tag del titolo, nell'URL del tuo blog e nel tag alt delle immagini. Tutto ciò faciliterà la ricerca del tuo blog nei motori di ricerca.

4. La scelta del titolo del blog post

Un altro passo fondamentale sarà la scelta del titolo del tuo blog. Esso dovrà essere legato alla più specifica parola chiave (Long-tail Keyword). Il titolo aiuta le persone e i motori di ricerca a capire cosa contiene il post. Ritornando all'esempio fatto precedentemente sul profilo del nostro potenziale cliente, possiamo creare un blog intitolato “Stili di arredamento” oppure “Stili di arredamento per piccoli spazi”.

5. Lavorare sulla lunghezza e sul layout del blog post

A seconda del tema che tratterai, generalmente, gli articoli sono costituiti da 300-700 parole. Ciò che per te conta è arrivare, nel più breve tempo possibile, al nodo centrale della questione. Di conseguenza, dovrai essere in grado di rispondere alle domande e ai problemi del cliente ideale (Buyer Persona).

Le trappole del blog | Lead Generation

Per rendere il contenuto apprezzabile dal visitatore e non difficile da leggere, dovremmo tenere a mente alcune linee guida:

  • Iniziare sempre con una introduzione sull'argomento che si sta trattando;
  • Usare i paragrafi per una facile lettura, ma che non siano troppo lunghi;
  • Non aver paura di usare spazi bianchi (Whitespace) poiché permettono alle persone di focalizzarsi su contenuto;
  • Utilizzare elenchi puntati e caratteri in grassetto che aiuteranno i lettori a comprendere meglio i punti salienti;
  • Includere immagini che interrompono visivamente il testo.

6. Pianificare la Pillar Content

A questo punto ciò di cui avrai bisogno è la pianificazione di una cosiddetta “Pillar Content”, apprezzabile per le tue Buyer Personas. Non ti fare scoraggiare dal nome, ricorda cosa ho detto all'inizio: sarò semplice e facile da capire!

Il Content Pillar è un testo molto grande che si sviluppa verso il basso e che affronta al suo interno differenti sotto-argomenti, permette dunque di inserire link interni che puntano ad altre pagine del sito web, migliorando l'organizzazione dei contenuti e la link building interna. I collegamenti alla Pillar Page segnalano a Google e agli altri motori di ricerca che la nostra Pillar è un'autorità sull'argomento trattato e che tratta l'argomento in ogni sua sfaccettatura.

La tua Pillar Page sarà dunque essenziale per scalare la SERP e aumentare visibilità e dunque anche per genere i lead. 

7. Creare Call-To-Action che funzionano

Essendo una fase abbastanza delicata, in cui state cercando di convertire i visitatori in contatti, ciò che il tuo blog deve necessariamente avere al suo interno sarà una call-to-action. Una CTA è un pulsante o un collegamento che si posiziona sul tuo blog post per indurre potenziali clienti a diventare lead compilando un modulo su una landing page.

Le CTA devono utilizzare parole efficaci per attirare l'attenzione dei visitatori e trasformarli in lead qualificati, come ad esempio: “Registrati gratuitamente”, “Abbonati gratis per un mese”, "Scopri di più", “Scarica l'ebook gratuito”, “Fissa un appuntamento”, “Richiedi una consulenza gratuita”.

Le call-to-action devono essere inoltre ben visibili all'interno di una pagina, pertanto è opportuno utilizzare pulsanti in contrasto con i colori principali della pagina. Qui di seguito un esempio di utilizzo corretto:

Le CTA devono essere ben visibili nella pagina

8. Programmare la frequenza di pubblicazione

Adesso la domanda da porti è: con quale frequenza pubblicare post sul blog e condividerli sui social media?

A tal proposito HubSpot, piattaforma leader nell'Inbound Marketing, afferma che le aziende che pubblicano più di 16 blog post al mese generano 3-4 volte più traffico e ricevono 4-5 volte più contatti delle aziende che pubblicano tra 0 e 4 volte al mese.

Programmare i post del blog ti permette di soddisfare costantemente il tuo pubblico
Non dimenticare, un bravo blogger dovrà sì preoccuparsi della frequenza di pubblicazione dei post, ma anche e soprattutto della qualità dei contenuti prodotti.

Conclusioni

Il tuo blog, in pratica, dovrà essere in grado di promuovere il tuo business e aiutarti ad emergere come un esperto del settore, ma soprattutto, se usato bene, dovrà aiutarti a generare nuovi contatti e di conseguenza aumentare le entrate.

Pronto a saperne di più? Perché non alzare di livello la tua conoscenza sulla Lead Generation? Qui sotto potrai scaricare gratuitamente il nostro eBook "I migliori 30 trucchi per la Lead Generation", all'interno del quale troverai illustrate le 30 migliori tecniche che i marketer dovrebbero utilizzare per aumentare i lead, soffermandosi sui meccanismi che muovono le campagne di lead generation ad alto rendimento. Clicca il bottone qua sotto e scarica gratis i nostri contenuti!

Extra Magnet | I migliori 30 trucchi per la Lead Generation

Articoli consigliati per te 📖


Commenti

HubSpot Free Trial

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog