<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog

Come utilizzare i workflow di Hubspot per realizzare la marketing automation

Hossein Moghaddam

Hossein Moghaddam, 3 febbraio 2020 | Marketing Automation HubSpot

Fin da quando è approdata nel settore, la marketing automation è diventato uno strumento necessario tanto nel B2B quanto nel B2C. Al contrario di quanto si possa credere, infatti, l’automazione dei processi non raffredda il rapporto tra brand e utente, bensì permette una maggiore personalizzazione dei messaggi così da migliorare il rapporto tra azienda e potenziale cliente; di fatto l’automation è un supporto immancabile nel 2020: è di supporto sia in una prima fase, quando il lead non è ancora cliente, che dopo quando di fatto ha già comprato.

Scopri tutte le funzionalità di HubSpot: scarica il nostro ebook gratuito!

Il web 2.0, è noto a tutti, ha rivoluzionato i rapporti tra le aziende e la loro audience. Se, in passato, le imprese erano di fatto dei broadcaster, dei diffusori di messaggi, oggi il rapporto è pari: non sono solo i business a parlare, i clienti rispondono.

Sono perciò venute a crearsi delle vere e proprie conversazioni che vanno alimentate, soprattutto in un momento in cui la concorrenza è spietata e i nostri competitor potrebbero raggiungere i potenziali clienti in ogni momento. Ma come mantenere sempre vivi, stabili e proficui questi rapporti? È qui che entra in gioco la marketing automation che ha trovato particolare spazio in HubSpot, suite americana che ha integrato diverse funzioni in una feature unica nel suo genere: i workflow!

Cosa sono workflow in Hubspot e che ruolo hanno nel Lead Nurturing?

La sfida maggiore per i marketer di oggi è quella di riuscire a catturare l’attenzione degli utenti, sempre più bombardati da messaggi pubblicitari invasivi, che li raggiungono su ogni dispositivo.

Ecco perché di quella mole di visitatori che navigano sui siti delle aziende, quella piccola percentuale che ha dimostrato interesse, scaricando una risorsa, chiedendo informazioni tramite un form, o iscrivendosi a una newsletter, non può essere abbandonata a sé stessa. Il rischio è troppo alto. A trovare quell’azienda, l’utente può aver impiegato davvero un bel po’ di tempo, ma per dimenticarsene, al contrario, impiegherà pochissimo.

I workflow quindi entrano in azione in questo momento. A interazione avvenuta, si preoccupano di mandare al singolo contatto una serie di informazioni pertinenti al fine di coltivarlo e renderlo, gradualmente, un cliente.

I workflow, in altre parole, ti permettono di automatizzare l’invio di e-mail personalizzate nella forma e nel contenuto, proprio a seconda dei criteri che avrai stabilito a monte. Ad esempio potrai rivolgerti al pubblico femminile usando i giusti pronomi ed evitando così di risultare maschilista; riuscirai quindi a inviare messaggi totalmente targetizzati anche sulla base delle interazioni con il tuo sito, evitando di mandare al contatto il link di una pagina che ha già visitato e abbandonato subito.

I workflow quindi minimizzano il tuo sforzo e migliorano le tue chance di vendita, proprio grazie a una tecnologia che è in grado di veicolare il messaggio giusto alla persona giusta.

Perché scegliere HubSpot per implementare dei workflow di Marketing Automation?

Scegliere di fare marketing automation è il modo migliore per creare e intrattenere relazioni one-to-one con ogni tuo singolo cliente, o potenziale tale, ma, per farlo, devi avvalerti degli strumenti giusti.
Navigando online, perciò, avrai certamente capito che sono numerosi i provider di servizi di automazione, tuttavia nessuno di questi è equiparabile ad HubSpot.

Creare dei funnel di contenuto automatizzato o dei flussi automatici di e-mail, infatti, potrà sembrarti un gioco da ragazzi a tal punto da pensare di scegliere altri software o tool, tuttavia devi chiederti: quanto voglio essere persuasivo?
Essere persuasivi oggi significa rispondere esattamente alle domande dei clienti, senza passare per quesiti che l’utente ha già posto o ai quali non è interessato. Come puoi perciò evitare impasse simili? Semplice: raccogliendo più informazioni possibili sul singolo lead così da fornirgli esattamente quello che cerca.

È questo il punto di forza maggiore di HubSpot. I suoi workflow tengono conto di una mole di dati che raccoglie a ogni contatto con il lead: interazioni con il sito, informazioni demografiche, call-to-action che ha visto ma non ha cliccato, pagine visitate, social-network collegati alla mail e molto altro ancora.
Attraverso un CRM altamente performante, infatti, i workflow acquisiscono maggior potere: conoscono di persona il singolo lead e interagiscono con lui, proprio come fa il panettiere all’angolo che sa a memoria le abitudini della signora Concetta, che vive due portoni più in là.

I workflow di HubSpot quindi ti assicurano una personalizzazione del messaggio, ti permettono di raccogliere altri dati e quindi migliorare i colpi futuri. Insomma: un processo di ottimizzazione continua.

Dalla Marketing Automation alle Marketing Analytics, con HubSpot!

Te lo dicevamo poco più sopra: ottimizzazione continua. È questa una delle parole chiave di HubSpot, che oltre ad automatizzare certi processi di marketing ti permette anche di fare una continua raccolta di dati, ai quali puoi accedere realtime.

Il software, infatti, ha tutta una serie di dashboard a disposizione dell’utente. Dal CRM, per esempio, potrai avere il dettaglio delle interazioni tra il singolo contatto e la tua azienda; riuscirai a capire cosa ha fatto quella persona dal momento in cui ha riempito il primo form ogni volta che ha visitato il tuo sito, da qualsiasi source (ricerca organica, traffico diretto, e-mail o ADS) e dispositivo.
Dalle analitiche dei Workflow quindi potrai vedere l’andamento del flusso di e-mail, sapere chi ha già ricevuto un dato messaggio, chi sta per riceverlo e, quindi dalla pagina specifica, scoprire anche come si è comportato una volta che quella mail è arrivata a destinazione. Il contatto ha aperto il messaggio? Lo ha letto solo o ha cliccato su un link? Ha riempito un altro form, arricchendo il mio database? O si è cancellato dalla mailing-list?

Sono queste tutte le informazioni che puoi analizzare come preferisci, osservandole da vicino (e quindi concentrandoti sul comportamento del singolo utente) o clusterizzandole in una divisione per categoria (buyer persona) o per campagna. In questo modo, riuscirai quindi a capire chi, o cosa, ha generato maggior traffico, ottenuto migliori conversioni o ha ritenuto i tuoi contenuti poco rilevanti.
In altre parole riuscirai sempre ad aggiustare il tiro, favorendo così la tua crescita aziendale e il miglioramento delle tue performance di marketing.

Crescere con un partner come HubSpot significa voler raggiungere risultati sempre più ambiziosi, senza mai fermarsi. Di fatto HubSpot è una soluzione totalmente personalizzabile in grado di seguire ogni tipo di azienda e di cucirgli addosso le feature più adeguate. Scopri tutte le funzionalità di HubSpot scaricando il nostro ebook gratuito.

New call-to-action

Lascia un commento