<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=147485065963339&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Magnet Blog

Le 4 migliori piattaforme di Inbound Marketing

Gloria Rossetti,

piattaforma inbound marketing

Oggi sul mercato possiamo trovare moltissime piattaforme che supportano lo sviluppo delle strategie di digital marketing. Sono però poche quelle che permettono di eseguire tutte le attività previste dalla metodologia dell'Inbound Marketing.

I principali elementi che costituiscono tale metodologia e grazie ai quali è possibile attuarla sono:

  • content marketing
  • lead generation
  • email marketing
  • marketing automation

In questo articolo voglio indicarti le migliori piattaforme di Inbound Marketing, cioè quelle che ricoprono almeno 3 funzionalità tra le suddette. Sto parlando, nello specifico, di Act-on, Salesforce Pardot, Marketo e Hubspot.

 

Attiva la prova gratuita di HubSpot, piattaforma #1 per l'Inbound Marketing!

 

 

La metodologia dell'Inbound Marketing è nata una decina di anni fa con l’intento di rivoluzionare le regole del cosiddetto “marketing tradizionale”: si è capito che non ha più senso bombardare i consumatori di messaggi pubblicitari riguardanti prodotti/servizi di scarso interesse per loro. Grazie all'Inbound si ha la possibilità di attrarre potenziali nuovi clienti pubblicando contenuti online che abbiano un effettivo valore per determinati clienti. Saranno così questi ultimi, attraverso vari canali quali blog, social media, sito web, email o altro, ad avvicinarsi sulla base dei propri interessi e delle proprie necessità a quelle aziende che ricorrono a questa metodologia basata sull’attrazione.

Vediamo in dettaglio le migliori piattaforme!

Act-ON

 

act-on |piattaforma inbound marketing

Act-ON offre tutto ciò di cui necessiti per la marketing automation. Con questa piattaforma potrai gestire i tuoi lead e il loro relativo punteggio, la lead nurturing, l’email marketing, le landing pages, i moduli di compilazione, il monitoraggio dei visitatori, la gestione dei social media e molto altro. Sfortunatamente, però, non offre la possibilità di creare un proprio sito web e/o blog, strumenti fondamentali se si vuole strutturare la propria strategia seguendo la metodologia Inbound.

La piattaforma cerca comunque di recuperare terreno proponendo uno strumento di SEO come supporto nella gestione di siti già esistenti. Viene poi messo a disposizione Act-on Anywhere, un ulteriore strumento che aiuta a collegare la piattaforma praticamente con tutto, da WordPress a Hootsuite, Gmail, Salesforce: risulta particolarmente utile perché immette dati all’interno di queste applicazioni terze, oltre a includere strumenti per la creazione e la gestione di contenuti.

Ad ogni modo, la cosa davvero interessante di Act-on è il numero di accessi consentito agli utenti: diversamente da altre piattaforme, la sua versione base consente l’accesso fino a 50 sales users, oltre ai regolari utenti del marketing, rivelandosi una buona opzione per coloro che hanno un nutrito gruppo di addetti alle vendite, così che possano avere accesso ai dati dei lead e dei contatti.

 

Caratteristiche generali:

  • 2.500 contatti
  • 3 account per l’accesso alla piattaforma marketing
  • 50 account per l’accesso alla piattaforma sales
  • 30.000 chiamate API
  • Landing page e form per la lead capture
  • Lead nurturing
  • Lead management e scoring

 

Ma arriviamo ai costi. La versione professionale parte da 900$ mensili e prevede un’ulteriore tassa d’installazione di 500$. È una piattaforma ideale per le medie e grandi aziende che hanno sia un tema di marketing che uno addetto alle vendite.

Salesforce Pardot

Pardot | piattaforma inbound marketing

Pardot è stato acquisito da Salesforce, è quindi comprensibile il fatto che preveda tutta una serie di integrazioni con quest’ultimo.

Questa piattaforma offre tutte le caratteristiche che ci si potrebbe attendere da una piattaforma di marketing automation, sebbene la sua curva d’apprendimento e il suo costo siano elevati.

Nel caso in cui non si necessiti strettamente di integrazioni Salesforce, è consigliato prendere in considerazioni altre piattaforme che garantiscano una user experience migliore e a un prezzo più conveniente. Pardot, infatti, richiede un certo tempo iniziale per prendere confidenza con la sua interfaccia, dato che non è tra le più intuitive sul mercato. Gli utenti che non sono dei tecnici o che comunque sono nuovi nel mondo della Marketing Automation non dovranno pretendere che la piattaforma sia attiva e funzionante in poco tempo: anzi, in relazione alle specifiche esigenze, i tempi potrebbero variare da alcuni giorni fino ad alcune settimane.

 

Caratteristiche generali:

  • 10.000 contatti
  • Account per gli utenti illimitati
  • Email illimitate
  • 50 campagne per la lead nurturing
  • 50 landing page
  • 50 form
  • 100 keywords per la ricerca
  • URL personalizzato per le landing page
  • Integrazione CRM
  • Assenza di un sistema di ottimizzazione per il blog

 

Pardot, per allargare la sua offerta, mette a disposizione Salesforce Engage, strumento che permette una più avanzata integrazione al prezzo di 50$ al mese per utente.

Il prezzo per la piattaforma, invece, parte da 1000$ al mese. Pardot è uno strumento che si rivela migliore per le medie imprese.

Marketo

Marketo | piattaforma inbound marketing

Marketo si è evoluto negli anni e ha migliorato le sue prestazioni, orientandosi sempre di più verso la fascia alta del mercato. Al momento, infatti, non sarebbe la miglior scelta per le aziende con un esiguo budget a disposizione.

I suoi punti di forza comunque, risiedono nell’attività di email marketing, nell’offerta di una track dettagliata per il sito web, le landing page e i moduli di compilazione (form).

Quest’ultimi sono molto intelligenti, in quanto riconoscono i contatti già esistenti e, invece di richiedere loro l’ennesima compilazione, offrono direttamente il contenuto da scaricare.

Caratteristiche generali:

  • Lead scoring, nurturing e segmentazione
  • Landing page e form
  • Email
  • integrazione di CRM
  • A/B testing
  • Strumenti per i social media
  • Assenza di un sistema di ottimizzazione per il blog

In questo caso il prezzo varia e dipenderà dalle funzioni richieste e dal numero di contatti posseduti. Tuttavia la piattaforma è maggiormente consigliabile per chi già utilizza Salesforce per le vendite.

HubSpot

Hubspot | piattaforma inbound marketing

Innanzitutto è importante sottolineare che Hubspot, essendo il pioniere dell’Inbound Marketing, ha potuto trasferire tutta la logica di questa metodologia all’interno della piattaforma che ha creato e non viceversa, come invece è accaduto per i casi precedenti.

Questo è il motivo per cui Hubspot rappresenta l’unica, tra le piattaforme che abbiamo analizzato, davvero all-in-one. Essa è in grado di ricoprire le 4 attività principali elencate all’inizio: Content Marketing, Email Marketing, Lead Generation e Marketing Automation.

La piattaforma, inoltre, è stata efficacemente progettata per essere integrata in modo semplice con altrettante applicazioni o piattaforme già utilizzate dalle aziende e ha sviluppato essa stessa integrazioni proprie, gratuite per gli utenti che hanno sottoscritto un abbonamento.

Recentemente ha introdotto anche il proprio CRM. Ciò garantisce la massima integrazione e automazione nei processi tra contatti presenti nel proprio database e la gestione dell’email marketing dirette a questi.

È uno strumento efficace anche per portare avanti le azioni di content marketing. Presenta infatti una sezione dedicata al blog aziendale, in cui è possibile salvare tutti gli articoli pubblicati o programmare la date in cui automaticamente saranno immessi online. Aggiungendo CTA e ottimizzando il testo delle proprie pubblicazioni con uno strumento nativo per la SEO, è anche più semplice assolvere alle attività di lead generation. Infine è prevista anche la sezione di gestione dei propri social con la relativa parte di analytics.

Ecco le caratteristiche generali di HubSpot

  • Account limitati in base al piano tariffario, ma con costi aggiuntivi possono essere incrementati fino ad essere illimitati
  • Email (per 10 volte il numero dei contatti)
  • Campagne illimitate
  • Sistema di ottimizzazione e piattaforma per il blog inclusi
  • Gestione dei Topic Cluster (a sostituzione delle Keyword)
  • Strumento completo per la mappatura degli URL
  • CRM gratuito incluso
  • Gestione dei social media
  • 40.000 chiamate API al giorno
  • Strumenti di analytics

Verdetto Finale

Piattaforma Inbound Marketing

Se stai perseguendo la marketing automation tramite più strumenti, ciascuno dei quali ricopre una singola funzione (come il CMS o l’email marketing..), ti consigliamo di scoprire più nel dettaglio le caratteristiche di ciascuna piattaforma e capire quale sia la migliore per te.

Ma se invece sei interessato alla metodologia di Inbound Marketing, considera che tra i quattro strumenti analizzati Hubspot si rivela il più adeguato, essendo l’unico in grado di ricoprire l’intero spettro delle attività principali previste dall’Inbound.

 

Se questo articolo ti ha incuriosito e vuoi toccare con mano tutte le funzionalità di HubSpot, cliccando qui sotto avrai la possibilità di provare gratuitamente HubSpot per 30 giorni e scoprire perché la metodologia Inbound è il futuro del Digital Marketing!

HubSpot gratis per 30 giorni

Articoli consigliati per te 📖


Commenti

HubSpot Free Trial

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog