<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog

Perché i Big Data non possono fare a meno del Cloud Computing?

Gianluca Parlangeli

Gianluca Parlangeli, 22 gennaio 2020 | Cloud Computing Big Data

Quando si parla di Big Data si fa riferimento ad una combinazione di dati, più o meno strutturati, raccolti da una azienda da cui possono essere estratte informazioni da utilizzare in progetti di Machine Learning, analisi predittiva e altre applicazioni di analisi avanzate.

Scopri come analizzare e usare i Big Data nella tua azienda con la guida gratuita

I Big Data possono provenire da una miriade di diverse fonti, come sistemi di transazioni commerciali, database dei clienti, cartelle cliniche, applicazioni mobili, social network, repository di ricerca scientifica, dati generati da macchine e sensori in tempo reale utilizzati in ambienti Internet Of Things (IoT), e molto altro ancora.

I dati possono essere lasciati nella loro forma grezza in sistemi di Big Data o pre-elaborati utilizzando strumenti di data mining o appositi software.

Le aziende utilizzano i Big Data accumulati nei loro sistemi per migliorare le operazioni, fornire un migliore servizio clienti, creare campagne di marketing personalizzate basate su specifiche preferenze dei clienti e, in generale, per aumentare la redditività.

Un'azienda che utilizza i Big Data detiene un potenziale vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti, poiché sono in grado di prendere decisioni aziendali più rapidamente e in maniera più oculata, a condizione, ovviamente, che i dati siano utilizzati in modo efficace.

Che differenza c’è tra Big Data e Cloud Computing?

Nella pratica, i Big Data possono fornire alle aziende informazioni preziose sui propri clienti, informazioni che possono essere utilizzate per perfezionare campagne di marketing al fine di aumentare il coinvolgimento dei clienti e i tassi di conversione.

Leggi anche: I Big Data trend per il 2020: quali saranno le tendenze?

L'utilizzo di Big Data consente alle aziende di diventare sempre più incentrate sul cliente utilizzando i dati storici e quelli in tempo reale per valutare l’evoluzione delle preferenze dei consumatori consentendo, di conseguenza, di aggiornare e migliorare le loro strategie di marketing e diventare più sensibili alle esigenze dei clienti.

Per analizzare questa ingente mole di dati è indispensabile affidarsi al Cloud Computing. Invece di conservare i file su un disco rigido proprietario o un dispositivo di archiviazione locale, l'archiviazione tramite Cloud Computing consente di salvarli su un database o un supporto remoto: finché un dispositivo elettronico ha accesso al web, ha accesso ai dati e ai programmi software per eseguirlo.

Allo stesso tempo gli utenti possono archiviare file e applicazioni su server remoti e possono accedere a tutti i dati via Internet indipendente mente dal luogo fisico in cui l’utente si trova. Dunque, mentre con Big Data ci si riferisce alla mole di dati, con Cloud Computing si intende il modo in cui questi dati vengono archiviati ed elaborati.

Il Cloud Computing offre servizi agli utenti su un modello pay-as-you-go e i fornitori offrono tre servizi principali:

Infrastructure as a Service (IAAS)

Qui il fornitore di servizi offre l'intera infrastruttura oltre alle relative attività di manutenzione.

Platform as a Service (PAAS)

In questo servizio, il provider Cloud offre risorse come archiviazione, runtime, accodamento, database, ecc. Tuttavia, la responsabilità delle attività relative alla configurazione e all'implementazione dipende dall’azienda che ha acquistato il servizio.

Software as a Service (SAAS)

Questo servizio è il più facilitato perchè fornisce tutte le impostazioni e l'infrastruttura necessarie alle esigenze dell’utente.

Come può il Cloud Computing supportare l’analisi dei Big Data?

Big Data e Cloud Computing sono due tecnologie che si stanno fondendo portando notevoli benefici per le imprese. Con il Cloud Computing, è possibile allestire in tempi ridottissimi un’infrastruttura con tutte le risorse necessarie all’azienda che garantisce continuità dei servizi senza interruzioni.

L’infrastruttura basata su Cloud è anche estremamente flessibile e scalabile e può espandersi dinamicamente per fornire storage per dati sempre crescenti a seconda delle necessità dell’azienda. Inoltre, con il Cloud Computing, la responsabilità si sposta ai fornitori di cloud e l’azienda deve solo pagare per lo spazio di archiviazione e il consumo energetico.

Le relazioni tra Big Data e Cloud Computing possono essere classificate in base ai tipi di servizio:

IAAS in Cloud Pubblico

IaaS è una soluzione economica e, utilizzando questo servizio cloud, i servizi Big Data consentono alle persone di accedere a storage illimitato e potenza di calcolo. È una soluzione molto conveniente per le aziende perché il fornitore del servizio cloud sostiene tutte le spese di gestione dell'hardware sottostante.

PAAS in Cloud Privato

I fornitori PaaS incorporano le tecnologie Big Data nei loro servizi, pertanto, eliminano la necessità di gestire le complessità della gestione di singoli elementi software e hardware, il che è una vera e propria preoccupazione quando si tratta di moli di dati dell’ordine del terabyte.

SAAS in Cloud Ibrido

Il Cloud Ibrido costituisce una soluzione eccellente per condurre l’analisi dei dati dei social media che, oggigiorno, è un parametro essenziale per le aziende

3 vantaggi del Cloud Computing per i Big Data

Combinando le tecnologie Big Data e Cloud Computing si ottengono, in sintesi, tre vantaggi fondamentali:

Velocità

La velocità d elaborazione dei dati in un sistema Big Data/Cloud Computing, è estremamente elevata e consente all’azienda di effettuare elaborazioni usando dati in tempo reale. La tempestività delle elaborazioni consentono all’azienda di essere altamente reattiva alle esigenze dei propri clienti perché può prendere decisioni molto più velocemente e in modo più accurato rispetto al modello tradizionale.

Risparmio

Il modello Pay-per-user della tecnologia Cloud trasforma la spesa di capitale (Capex - Capital Expenditure, il costo per sviluppare o fornire asset durevoli per il sistema) in spesa operativa (OPEX - Operating Expense, il costo necessario per gestire il sistema). Questo significa evitare investimenti in infrastrutture che ora sono a carico del fornitore dei servizi e pagare solo ciò che l’azienda effettivamente utilizza.

Sicurezza e privacy

La sicurezza e la privacy dei dati sono due preoccupazioni principali da tenere presente nel trattare i dati aziendali soprattutto quando l'applicazione è ospitata su una piattaforma cloud. Per garantire la massima sicurezza, i dati Cloud vengono archiviati ed elaborati in una posizione centrale comunemente nota come server di archiviazione Cloud. Normalmente il fornitore di servizi e il cliente firmano un accordo sul livello di servizio (SLA) che garantisce la massima fiducia reciproca.

Se la tua azienda ha a che fare con grandi moli di dati e desideri portarla ad un nuovo livello di innovazione, ti invitiamo a scaricare e eleggere l’ebook dedicato all'argomento: “Innovare e far crescere l'azienda grazie ai Big Data”. Ti basta un clic qui sotto!

New call-to-action

Lascia un commento