<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog

Big Data e Intelligenza Artificiale: intervista con Aptus.AI

Carlo Aliprandi

Carlo Aliprandi, 14 gennaio 2020 | Big Data

In Italia sono ancora poche le aziende che decidono di affidarsi alle ultime tecnologie per trasformare le enormi quantità di dati a loro disposizione, i cosiddetti Big Data, in preziose informazioni di business. Ne abbiamo parlato con Andrea Tesei, CEO di Aptus.AI, che ci ha raccontato l'impegno della sua azienda nella diffusione delle tecnologie dell'Intelligenza Artificiale e i benefici che se ne possono ottenere nell'ambito dell'analisi dei dati.

Andrea, qual è la storia di Aptus.AI? Perché è nata e a chi si rivolge?

APTUS.AI - big data e artificial intelligence

Aptus.AI è nata a Pisa nel marzo 2018 da un'idea di Lorenzo De Mattei, mio socio e CTO in Aptus.AI, che allora era al rientro da un'esperienza a Londra come Machine Learning Engineer. L'idea è stata quella di convogliare e fondere la nostra esperienza per offrire al mercato una competenza profonda sui temi del Deep Learning e dell'Intelligenza Artificiale.

"Aptus" deriva dal latino e significa adatto, e questa parola costituisce il valore fondamentale della nostra realtà: adattare una tecnologia proprietaria di Intelligenza Artificiale alle esigenze di un mercato sempre più alla ricerca di soluzioni che ottimizzino costi e tempi delle attività lavorative di tutti i giorni. Gli anni di ricerca e sviluppo svolti in collaborazione con l'ateneo dell'Università di Pisa hanno permesso al nostro team di acquisire il know-how necessario a creare un pacchetto di soluzioni che potesse risolvere problemi di business reali e aumentare le capacità umane in alcuni selezionati mercati di riferimento.

In un primo momento Aptus.AI si è occupata di "fare chiarezza" nel mercato a proposito dell'utilizzo delle tecnologie di Intelligenza Artificiale, offrendo ai propri clienti un servizio di AI-mentoring volto ad assicurare un contributo esperto sulle modalità di declinazione di suddette tecnologie nei vari bisogni manifestati. A distanza di due anni dalla sua fondazione, Aptus.AI ha cambiato pelle, posizionandosi strategicamente su due mercati di riferimento: quello bancario e finanziario, offrendo una soluzione per l'automazione delle attività di compliance normativa; e quello medicale, offrendo DeepMammo come soluzione per lo screening mammografico per la rapida indentificazione del cancro al seno.

Quali sono gli ultimi trend di applicazione dell'Artificial Intelligence?

L'Intelligenza Artificiale è diventata in questi anni una buzzword del settore informatico. In tutti i mercati si sta assistendo ad un utilizzo sfrenato di questa tecnologia, ma non sempre con risultati migliori rispetto ai sistemi concepiti senza l'ausilio di queste tecnologie. La capacità di queste tecnologie di apprendere dai dati è diventata strabiliante, grazie anche al progresso tecnologico che ha permesso di mettere a disposizione potenza di calcolo sufficiente a risolvere problemi irrisolvibili con le tecniche precedenti.

La chiave è quella di utilizzare queste tecnologie per aumentare le capacità umane senza sostituirle: si parla infatti di Intelligenza Aumentata, piuttosto che di Intelligenza Artificiale, proprio per sottolineare come sia possibile automatizzare e delegare alla macchina tutte quelle attività in cui l'apporto umano risulta 'sprecato' (e.g. analisi massiva del testo, classificazione di immagini, riconoscimento di oggetti, analisi massive di dati strutturati) per poi focalizzare il tempo guadagnato in attività dove il contributo umano è fondamentale (e.g. diagnosi mediche, decisioni mission critical). Ambiti come quello Medicale, Legale, Bancario/Finanziario, Industria 4.0, sono risultati un ottimo banco di prova per talune soluzioni basate su Intelligenza Artificiale e hanno dimostrato come sia possibile migliorare la produttività abbattendo i costi delle operazioni.

Com'è la situazione in Italia per quanto riguarda l'applicazione dell'AI ai Big Data? È una tecnologia in cui si investe molto?

Purtroppo in Italia l'investimento in queste tecnologie è ancora timido e non completo. Ci si scontra con lo scetticismo tipico dei manager che a volte non colgono il beneficio e la vera potenzialità di certe applicazioni. Ci sono per fortuna alcune oasi felici dove esistono persone lungimiranti che riescono a proiettarsi nel futuro e ad avere la visione per sperimentare servizi innovativi che possano ottimizzare i processi e aumentare la produttività.

"Data is the new oil" è un'affermazione che fortunatamente sta entrando nella mente dei più, e questo favorisce sicuramente nuove sperimentazioni e nuovi investimenti in soluzioni di Intelligenza Artificiale applicate ai Big Data. Nonostante questo timido passo avanti, a mio modesto parere bisogna ancora fare molta strada per raggiungere i numeri dei paesi esteri.

Perché le aziende dovrebbero investire nella valorizzazione del dato?

Investire nella valorizzazione dei dati può avere diversi impatti sui processi di business: si va dall'apertura di nuove prospettive commerciali, all'ottimizzazione dei processi semplicemente tramite una conoscenza più profonda dei processi stessi. Molte aziende sono in possesso di dati ad alta granularità sui propri processi che non vengono utilizzati in nessuna modalità: si investono molte risorse in consulenti esterni con la speranza di 'delegare' la risoluzione di un problema quando la risposta è con alta probabilità nel proprio repository di dati. Per migliorare il proprio business bisogna conoscerlo a fondo e l'unico modo per farlo è raccogliere dati sempre più specifici, che possano arricchire quelli già storicamente raccolti, e mettere in piedi delle modalità di analisi che abbiano come obiettivo finale quello di riconoscere i limiti dei propri processi per colmarli e aumentare la produttività.

Com'è nata la collaborazione tra Aptus.AI ed Extra Red? Che frutti ha dato?

La collaborazione con Extra Red è nata un anno fa grazie ad una conoscenza comune che ha fatto incontrare il cammino di Aptus.AI con il gruppo Extra Red. Oltre alle svariate proposte progettuali europee cui abbiamo lavorato fianco a fianco, questa collaborazione si è rivelata fondamentale per la forza e la validità derivate dalla fusione di grandi competenze. È difficile trovare delle professionalità così profonde e variegate nel panorama italiano, e noi in Aptus.AI siamo molto contenti di collaborare con un gruppo giovane, motivato e dinamico come Extra Red.

Sei alla ricerca di un partner che possa guidarti nell'implementazione di un progetto di analisi dei Big Data a tua disposizione con le più moderne tecnologie? Contattaci per una consulenza gratuita, saremo felici di aiutarti.

New call-to-action

Lascia un commento