<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog

I Big Data trend per il 2020: quali saranno le tendenze?

Gianluca Parlangeli

Gianluca Parlangeli, 8 gennaio 2020 | Big Data

Quali sono i Big data trend per il 2020? Cominciamo subito dicendo che parlare di Big Data e della loro analisi significa affrontare un tema cruciale per le aziende pubbliche e private di oggi, che a seguito dell’evoluzione del cloud hanno compreso la necessità di implementare tecnologie sempre più avanzate per fare Big Data Analysis in tempo reale e per adattare rapidamente la loro strategia di business ai cambiamenti del mercato.

Scopri come analizzare e usare i Big Data nella tua azienda con la guida gratuita

Saper gestire e analizzare i Big Data porta ad ogni azienda importanti vantaggi economici: la stima è che entro il 2020 le aziende che adotteranno tecnologie IoT potranno risparmiare fino a 1 trilione di dollari.

Vediamo allora quali sono i Big Data trend per l’anno che sta per arrivare e quanto vale l’industria dei Big Data oggi.

Big Data trend: protezione, sicurezza e analisi sono le parole chiave di questo fenomeno

Il 2019 è stato un anno di grandi cambiamenti nell'ambito dell’analisi e gestione dei Big Data, a partire dall'introduzione del GDPR per la loro gestione e di nuove e sofisticate misure per la loro protezione a livello europeo e mondiale.

Oggi, infatti, tutte le aziende del mondo hanno compreso l’importanza dei Big Data per la loro attività e la necessità di saperli gestire per rimanere competitive nel breve, medio e lungo periodo. L’importanza dei Big Data è confermata anche dal fatto che l’industria del dato vale oggi 189 miliardi di dollari e ha registrato un incremento di 20 miliardi di dollari dal 2018, ma si stima che la crescita continuerà anche fino al 2022 arrivando a generare un mercato da 247 miliardi di dollari.

Ecco perché ogni azienda deve restare aggiornata su questo fenomeno e perché si parla ancora molto di Big Data, non solo in termini di nuove tecnologie per analizzarli e gestirli, ma anche relativamente al tema della sicurezza e della privacy, per cui il GDPR ha rappresentato solo il punto di partenza di una normativa in continua evoluzione.

Data economy: il dato come risorsa per le aziende

Quando si parla di data economy ci si riferisce ad un’economia reale, che si fonda sulla capacità da parte delle imprese di gestire una mole crescente di informazioni digitali.

Gli studi fatti dal Parlamento Europeo dimostrano come oggi i Big Data e la data economy rappresentino l’1,9% del PIL europeo e l’1,6% del PIL italiano: numeri per cui si stima una crescita nel 2020 pari al 3,3% in Europa e del 2,7% in Italia.

Appare quindi evidente come il dato rappresenti una risorsa importante per ogni azienda e di come la data economy possa assicurare interessanti ritorni, dato che si tratta di un’economia di scala e di scopo.

Le aspettative di crescita dei Big Data e i Big Data trend per il 2020

Entro il 2025 si stima che i Big Data creati a livello mondiale quadruplicheranno il loro numero arrivando a 175 zettabytes, con una crescita di 40 zettabytes solo nel 2020 grazie al sempre maggiore utilizzo di device e sensori, secondo quanto afferma una ricerca IDC. Non solo: rispetto al passato i dati saranno sempre più live e in movimento e la loro gestione rappresenterà una vera e propria sfida per le aziende, che dovranno munirsi degli strumenti e della tecnologia necessari a gestire il dato. Vediamo allora quali sono i 4 Big Data trend da tenere in considerazione.

1. Data Analysis Automation

Oggi analizzare i dati, anche con l'aiuto di report e dashboard, è sempre più complesso e talvolta l’intuizione dell’imprenditore, del marketer o del product manager non sono sufficienti ad assicurare la competitività dell’azienda nel lungo periodo. Si rende, quindi, necessario il passaggio ad una gestione e analisi automatizzata del dato, che entro il 2025 sarà rappresentato per il 30% da dati generati in tempo reale.

Una stima di Ventana Research dimostra, inoltre, come entro il 2021 un terzo delle aziende sarà in grado di integrare la data analysis automatizzata nelle attività aziendali e potrà gestire in tempo reale il dato, velocizzando la presa di decisioni e riducendo drasticamente il time-to-action. Questa tendenza potrà, infine, contare su fattori abilitanti quali l’intelligenza artificiale e il machine learning.

2. Augmented Analytics

Oggi le tecnologie per analizzare i dati sono disponibili per tutti grazie alle Augmented Analytics, che sono definite da Gartner come la capacità di utilizzare tecnologie come l’intelligenza artificiale, il machine learning e il linguaggio naturale per esplorare il dato e analizzare come il contenuto viene sviluppato, consumato e condiviso. Inoltre, affidarsi a un sistema di Augmented Analytics significa automatizzare molti aspetti della scienza del dato, per ottimizzarne la gestione e l’archiviazione oltre che l’analisi.

3. Natural Language Processing

Il Natural Language Processing è un sistema che permette al computer di comprendere il linguaggio umano e si basa sul fatto che gli utenti aziendali non sempre usano termini tecnici, ma possono scrivere anche query complesse composte da più parole, sia usando la ricerca vocale sia utilizzando la tradizionale ricerca scritta. Sempre secondo Gartner, entro la fine del 2020 il 50% delle ricerche si baserà sul natural language processing o sarà generata automaticamente e entro il 2021 il 33% delle aziende includerà questa tecnologia nei tool di Business Intelligence.

4. Analytics e Edge Computing

Secondo una stima IDC, entro il 2025 ci saranno più di 150 miliardi di dispositivi connessi in tutto il mondo, e la maggior parte di essi includerà sensori e altre tecnologie dell’Internet of Things, con una mole di dati generati pari a 90 zettabytes solo nel 2020. Si tratta di una situazione che porterà nuove sfide e nuove opportunità anche alla tua azienda, in termini di gestione ed analisi dei dati che dovranno essere raccolti, gestiti e studiati in tempo reale anche grazie all’uso delle più avanzate tecnologie e del computing processing.

E tu, stai già analizzando i tuoi Big Data?

Il tema dei Big Data è oggi in continua evoluzione e per il 2020 ci si aspetta che la maggior parte delle aziende avrà incluso sistemi di Business Intelligence al suo interno, capaci di utilizzare le informazioni in modo da rimanere competitivi nel lungo periodo. Sempre una previsione IDC indica come nel 2020 il 90% delle imprese sarà in grado di generare fatturato dall'uso dei Data as a Service, ma si tratta solo di uno dei Big Data trend che ci aspettiamo per il nuovo anno.

Se sei interessato ad approfondire l’argomento ti invitiamo a scaricare il nostro ebook gratuito “Innovare l’azienda con i Big Data”, cliccando sul pulsante qui sotto!

New call-to-action

Lascia un commento