<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Cathay reagisce più velocemente alle richieste del settore con l'hybrid cloud e OpenShift

Luigi De Masi,

Cathay reagisce più velocemente alle richieste del settore con lhybrid cloud e Openshift

Quando si parla di cloud ibrido, ci si riferisce ad una combinazione di più ambienti cloud pubblici e privati, ovvero un insieme di risorse virtuali sviluppate, in parte, su soluzioni hardware proprietarie gestite da terzi, e in parte da hardware di proprietà dell'azienda in un ambiente cloud. Un software di gestione consente agli utenti di accedere alle risorse tramite portali e ripartisce i carichi di lavoro in parte nel cloud privato e in parte nel cloud pubblico, usandoli in maniera intercambiabile e sfruttando le risorse offerte da entrambi.

Scopri come velocizzare il Time-To-Market delle applicazioni con OpenShift!

 

L'efficacia dei collegamenti tra i cloud pubblici e quelli privati determina fortemente le prestazioni del cloud ibrido. La tecnologia più importante per creare collegamenti cloud robusti, spesso anche la più sottovalutata, è il sistema operativo. Un sistema operativo coerente, affidabile e flessibile, consente di ottenere collegamenti tra cloud pubblici e privati molto efficaci e, se il cloud privato e il cloud pubblico utilizzano lo stesso sistema operativo, si ottiene un'interconnessione così capillare e robusta da renderla impercettibile agli utenti, che non sapranno distinguere il tipo di cloud su cui sono eseguiti i loro carichi di lavoro.

Le problematiche di Cathay Pacific Airways

La riduzione del time-to-market delle applicazioni, la maggiore stabilità dell’intero sistema e la riduzione dei costi sono i tre fattori trainanti che spingono molte aziende a passare al cloud ibrido. È il caso di Cathay Pacific Airways, compagnia aerea di Hong Kong, che opera su oltre 200 destinazioni in 52 paesi e territori.
La rigida infrastruttura precedentemente in uso ostacolava l'innovazione digitale e garantire le prestazioni elevate dei sistemi interni, dei meccanismi di prenotazione e del sito web rivolto ai clienti diventava sempre più complesso. Inoltre, l’instabilità della struttura, causava sistematicamente uno/due incidenti operativi gravi ogni mese compromettendo seriamente l’affidabilità dell’intero sistema. Cathay Pacific aveva anche un problema di standardizzazione: usando tante piattaforme di singoli fornitori, era difficile offrire assistenza e i costi erano in continuo aumento.

L'hybrid cloud come soluzione

Preso atto dei limiti della propria struttura, la compagnia aerea si è messa alla ricerca di un partner e di una piattaforma nuovi, capaci di velocizzare la modernizzazione e il cloud ibrido di Red Hat si è presentato come soluzione ottimale alla trasformazione digitale.
Il primo step è stato un workshop di quattro giorni per individuare le necessità e le esigenze di business e confermare la vision aziendale con un progetto di livello altissimo. Questa fase è stata ovviamente necessaria per il team di Red Hat per capire come funzionava l’ambiente attualmente in essere, ma è stato utile anche per Cathay Pacific stessa per capire come e dove semplificarlo. Con la guida di Red Hat, Cathay Pacific ha avviato la migrazione dall'infrastruttura in uso al cloud ibrido distribuito su due data center, consolidando così il cloud esistente e i sistemi on-premise.

La compagnia aerea ha gettato le basi dell'ambiente cloud privato on-premise con Red Hat OpenStack Platform e il software hypervisor di livello enterprise. Nella nuova architettura basata su cloud ibrido, Cathay Pacific fornisce il provisioning dei carichi di lavoro e delle risorse di elaborazione sul cloud attraverso Red Hat CloudForms, quindi Red Hat Ansible Tower automatizza il provisioning dei servizi, la configurazione e altre funzionalità gestionali dell'infrastruttura, infine Red Hat Satellite standardizza il provisioning e la manutenzione del sistema operativo (Red Hat Enterprise Linux).

La compagnia aerea utilizza inoltre Red Hat OpenShift Container Platform, ospitata su un cloud pubblico gestito da Amazon Web Services (AWS), per supportare oltre 50 applicazioni rivolte ai consumatori, tra cui applicazioni ospitate su asiamiles.com e cathaypacific.com.

I vantaggi dell'hybrid cloud

I vantaggi di questa nuova organizzazione sono stati molteplici. Il primo è senz’altro un time-to-market più veloce per le applicazioni grazie al fatto che ora i team di sviluppo e infrastruttura possono lavorare interagendo tra loro. Concretamente il volume di deployment delle applicazioni è aumentato
da 20 a 200 modifiche al giorno per tutti gli ambienti, incluso l'ambiente di produzione. Ora il personale della compagnia aerea ora può concentrarsi su attività più importanti, come promuovere campagne di marketing ad hoc con un preavviso minore e gli addetti al marketing possono spostare la loro attenzione dall'acquisizione di risorse tecnologiche all'avvio di campagne in grado di generare ricavi, acquisizione clienti e prenotazioni. Altro vantaggio ottenuto è la maggiore stabilità grazie all'automazione e all'integrazione.

La standardizzazione del provisioning delle macchine virtuali e di altre attività sul software
Red Hat consente ai team IT di Cathay Pacific di garantire aggiornamenti rapidi alle applicazioni
e un rischio minimo di errori e interruzioni. Automatizzando e standardizzando gli ambienti e le richieste di modifica grazie a Red Hat Ansible Tower, Cathay Pacific ha inoltre ridotto i tempi di richieste di modifica da due settimane a 15 minuti, migliorando al contempo l'accuratezza del servizio. I vantaggi si sono manifestati anche in termini di riduzione dei costi operativi. L'efficienza del nuovo ambiente cloud ha aiutato Cathay Pacific a limitare i costi operativi, di manutenzione e relativi all'hardware dell'infrastruttura, riducendo quindi il costo totale di proprietà (TCO) degli ambienti produttivi.

Per ulteriori approfondimenti su OpenShift e su come utilizzarlo per ridurre il time-to-market delle applicazioni, scarica lìebook dedicato “Velocizzare il Time-To-Market delle applicazioni con OpenShift”.

Velocizzare Time-To-Market applicazioni con OpenShift

Share this post

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati