<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Openshift: cos'è e perché piace ai Dev, agli Ops e al business

Davide Costanza,

Che cosa è Openshift: perchè piace ai Dev, agli Ops e al business

In un precedente articolo ho avuto modo di parlare dei vantaggi dell'elasticità del cloud e dei risultati che si possono ottenere grazie al passaggio da server mutabili (VM) a potenzialmente immutabili (container).

Per raggiungere tali risultati è necessario gestire i container così come viene gestito il codice sorgente: bisogna introdurre un workflow di CI/CD che coinvolga anche i container.

La piattaforma Red Hat Openshift ha un vantaggio fondamentale rispetto ad analoghi prodotti che servono a gestire i container (orchestratori di container): permette di definire un workflow di CI/CD completo, che parte dal codice sorgente dell'applicazione e dal codice che descrive le immagini per giungere al deploy delle applicazioni containerizzate.

 

Scarica l'eBook gratuito con i risultati del test su Red Hat OpenShift!

 

Naturalmente Openshift è in primo luogo un eccellente orchestratore di container. Esso è basato su Kubernetes, un prodotto open source creato da Google a partire da una lunga esperienza di utilizzo e gestione di container in ambienti di produzione ad alte prestazioni.

L'utilità di un orchestratore di container

Un orchestratore di container è indispensabile per gestire sistemi distribuiti che fanno uso di un gran numero di container:

  • esso permette di gestire applicazioni moderne, strutturate a micro-servizi;
  • gestire un gran numero di micro-servizi in un cluster di server è molto complicato senza un orchestratore di container: è necessario risolvere problemi di deployment combinato dei container, gestire il networking multi-host dei container, il service discovery, la gestione dei volumi persistenti in modo distribuito e così via;
  • Openshift, come Kubernetes, permette di gestire in modo semplice lo scaling dei servizi e il load balancing tra le repliche di uno stesso servizio. Questa funzionalità rende semplice ottenere lo scaling selettivo delle singole componenti di un'applicazione a micro-servizi.

Le caratteristiche di Openshift

Openshift | Platform as a Service

Per installare Openshift è sufficiente avere un cluster di macchine con sistema operativo RHEL.

Non ha importanza come siano fatti i server: possono essere server fisici, VM oppure macchine su cloud pubblici e privati. Openshift tratta questo cluster di server come pure risorse di calcolo e di storage e crea su di esso uno strato di astrazione nel quale vivono le applicazioni containerizzate.

Openshift è esso stesso un sistema distribuito fatto da diversi componenti. Ciascun componente del sistema è installabile in alta affidabilità, in modo da non avere punti deboli (nessun "single point of failure").

Openshift è costruito a partire da Kubernetes ma sfrutta diversi altri progetti e tecnologie open source (come Source 2 Image, la tecnologia che permette di passare dal codice sorgente di un'applicazione all'applicazione containerizzata, o Jenkins, un popolarissimo server di CI/CD). Kubernetes a sua volta, è un aggregato di prodotti open source sostenuti da una community di sviluppatori che ha pochi uguali al mondo per numerosità e livello di partecipazione.

Openshift è pensato in modo da essere facile da usare:

  • mette a disposizione diverse interfacce utente (web-based oppure in linea di comando, per permettere una migliore automazione), delle API che danno la possibilità di gestire ogni aspetto della piattaforma e una serie di runtime per facilitare la creazione di applicazioni containerizzate.
  • mette a disposizione un ricco catalogo di linguaggi e di server (es. application server, broker di code e altri prodotti middleware) per costruire sistemi distribuiti complessi e applicazioni a micro-servizi in modo semplificato.
  • è inoltre pensato per assecondare la collaborazione tra utenti minimizzando le interferenze indesiderate. La piattaforma è multitenancy e dotata di un sistema articolato di gestione degli utenti, dei ruoli e dei permessi. L'accesso alle risorse può essere controllato a un livello di granularità estremamente fine e l'utilizzo di qualsiasi risorsa può essere sottoposto a limitazioni.

Openshift: per una più stretta collaborazione tra sviluppatori e sistemisti

Openshift costituisce quindi la piattaforma ideale per ottimizzare la collaborazione tra sviluppatori e sistemisti. Openshift permette agli sviluppatori di approvvigionarsi in modo autonomo di tutti gli strumenti necessari per costruire applicazioni e workflow di build e deploy sofisticati a piacimento; d'altro canto, i sistemisti hanno il pieno controllo della piattaforma, dell'utilizzo che viene fatto delle risorse e, grazie alle immagini e ai container, dell'ambiente di esecuzione delle applicazioni, potendo tra l'altro accedere in modo immediato alle eventuali fix di sicurezza pubblicate da Red Hat e applicarle in modo istantaneo ai container che girano sulla piattaforma.

Red Hat OpenShift è una piattaforma PaaS per applicazioni cloud che automatizza l’hosting, la configurazione, l’implementazione e l’amministrazione degli stack di applicazioni in un ambiente cloud flessibile.

Sei vuoi conoscere più in dettaglio quali vantaggi può portare Red Hat OpenShift alla tua azienda, puoi scaricare gratuitamente il nostro eBook con i risultati del test che ne misura velocità, efficienza e performance:

Extra Red | Red Hat OpenShift alla prova su strada

Share this post

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati