<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1214412942025937&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Cloud Privato vs Cloud Pubblico: quali sono le differenze?

Laura Pisano,

Cloud Privato vs Cloud Pubblico: quali sono le differenze?Negli ultimi 50 anni le imprese hanno dovuto far fronte alla rapida evoluzione digitale introdotta dal mondo dell’informatica. Se penso ai primi passi fatti con il computer, non posso non pensare alla puntata della serie TV Mad Men dove viene utilizzato per la prima volta un computer in ufficio: una macchina strana, ronzante e talmente grande da occupare un’intera stanza. Ricordo che alcuni personaggi della serie erano andati completamente fuori di testa, temendo che il mondo fosse giunto al capolinea. Da allora non solo i computer si sono evoluti diventando più piccoli, più intelligenti e più efficienti, ma le organizzazioni hanno dovuto intraprendere una drastica rivoluzione delle proprie architetture IT. Questa evoluzione non dà cenni di rallentamento: lo vediamo con imprese come Airbnb, Netflix, Spotify e molte altre grandi industrie che basano tutta la loro attività sul Cloud Computing.

 

Scopri subito come ottenere un'infrastruttura cloud efficiente in 5 step!

 

Il cloud computing ci accompagna da lungo tempo. Sebbene l'origine del termine sia poco chiara, la sua introduzione risale agli anni ’60, quando società come IBM e DEC si sono impegnate nel concetto di condivisione. Oggi tale concetto è abbastanza chiaro per qualsiasi persona esperta in tecnologia; ad ogni modo, stiamo parlando di condivisione di servizi, file e funzionalità inserite in una struttura accessibile a più persone, rendendo possibile ai gruppi e alle organizzazioni attingere in tempo reale alle stesse informazioni.

Negli ultimi anni la maggior parte delle aziende ha concentrato i suoi sforzi sull’implementazione di infrastrutture tecnologiche interne sulle quali  poter condividere i propri servizi e archiviare le proprie informazioni. Tuttavia, con la crescente esigenza di elaborazione e con l’evoluzione delle tecnologie, questo metodo può essere in alcuni casi ritenuto obsoleto. Infatti, al crescere dell’azienda, questi processi interni divengono complicati e onerosi in termini di tempo e denaro.

Molti provider di infrastrutture cloud, come ad esempio Amazon, si stanno occupando esattamente di questo. A fianco però a queste aziende che offrono servizi di tipo puramente cloud pubblico, esistono altre aziende che stanno gestendo o hanno implementato un tipo di cloud ibrido o privato.

Cloud Privato vs Cloud Pubblico

Il Cloud Privato

Il cloud privato

Questa forma di cloud computing offre alle imprese la stessa flessibilità, scalabilità, automazione e monitoraggio del cloud pubblico, fornendo inoltre il pieno controllo dell'infrastruttura hardware. Qui il cloud appartiene al singolo cliente, attività o organizzazione. È ospitato nei data center proprietari o in un hardware affittato ma dedicato esclusivamente al cliente.

L'obiettivo qui non sarà vendere software come servizi, ma gestire le operazioni interne su un ambiente cloud. Data la natura e il costo, il cloud privato risulta più attraente per le organizzazioni più grandi, dove il costo non rappresenterebbe un grosso problema e la sicurezza e la privacy sono invece elementi imprescindibili.

Il Cloud Pubblico

Il cloud pubblico

Come già detto in precedenza, è la domanda ad aver creato l'offerta. Le aziende che hanno avuto accesso ai data center hanno iniziato a preparare tali infrastrutture in modo da soddisfare anche le esigenze di calcolo di altre imprese, offrendo loro spazio di archiviazione privato e aumentando la CPU per migliorare significativamente le prestazioni. Questa è stata una grande novità per molte aziende, sia start-up che multinazionali. È importante ricordare che i servizi cloud sono generalmente offerti in tre modi, come ho già avuto modo di spiegarti nel mio precedente articolo "Che cosa è l'infrastruttura Cloud e perché dovrebbe interessarti".

Il cloud pubblico potrebbe spaventare alcune aziende, diffidenti ad ospitare le loro informazioni e i loro servizi in un data center altrui, con il rischio di perdita di dati o di attacchi di hacker e cyber criminali. Se da una parte tale preoccupazione può essere condivisibile, è anche vero che moltissime imprese apprezzano l’opportunità di scrollarsi di dosso l'onere della gestione hardware, permettendo loro di concentrarsi sul core business e su ciò che sanno fare meglio.

 

 

Gestione dell’infrastruttura Cloud

Cloud Privato vs Cloud Pubblico: gestione dell'infrastruttura cloud

Con il cloud potrai anche avere meno preoccupazioni riguardanti l'hardware, ma non potrai eliminarne del tutto la gestione. Esistono molte piattaforme in grado di aiutarti a raggiungere questo obiettivo: quella che preferisco è la piattaforma lanciata dal progetto Open Source OpenStack, che Red Hat ha poi reso più stabile e dotata di supporto. 

Ma sappiamo bene entrambi che il Cloud può apportare numerosi benefici alla tua azienda: scopri subito come ottenere un'infrastruttura cloud di prima classe con il nostro Ebook. Scaricalo gratuitamente!

New Call-to-action

Condividi l'articolo!

   

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati