<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1214412942025937&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Extra World Tour: prodotti Red Hat per integrazione senza confini!

Peppe De Marco,

 

partnership_Extra_RedHat.gif

Il fatturato di Red Hat, che nel 2017 ha superato quota 2 miliardi di dollari, non è composto esclusivamente da ricavi provenienti dalle sottoscrizioni dei software presenti nell’ormai ricchissimo catalogo prodotti, ma è anche frutto della vendita di servizi che i clienti acquistano direttamente dalla casa madre. Trattasi, di solito, di consulenze svolte da parte di esperti di prodotto e/o solution architect in modalità T&M, che il cliente richiede per mettere al sicuro progetti strategici che riguardano tecnologie Red Hat.

 

Scarica subito: "IT trend 2018 - le tendenze della Digital Transformation"

 

Ed è proprio in questo contesto che Red Hat EMEA ha imparato ad apprezzare le nostre competenze e la nostra professionalità. All’inizio fu JBoss Fuse, l’ESB su cui Extra può essere considerato senza dubbio come uno dei player più qualificati in Europa, il prodotto sul quale abbiamo cominciato a erogare servizi per conto di Red Hat. I nostri ragazzi hanno indossato il loro primo cappello rosso a fine 2013, quando fummo coinvolti in un progetto a Londra che durò diversi mesi. A partire da quel progetto è stato un susseguirsi di richieste, che oltre a JBoss Fuse, hanno avuto come oggetto anche altri prodotti del portfolio Red Hat per legati all'automazione dei processi e alla gestione delle regole, al Dev-Ops e al Cloud, quali JBoss EAP, JBoss BPM Suite e JBoss BRMS, OpenShift e OpenStack.
Per comprendere meglio il valore di questa collaborazione, riporto di seguito un po’ di dati:

  • Oltre che in Italia, abbiamo viaggiato in Inghilterra, Scozia, Francia, Svezia, Olanda, Belgio, Germania, Svizzera, Arabia Saudita, Finlandia, Turchia.
  • Numero progetti: 30
  • Giorni erogati: oltre 800
  • Personale di Extra coinvolto: 10

Extra e i suoi servizi qualificati sui software Open Source in giro per il mondo | prodotti Red Hat per l'integrazione

Oltre ad un indubbio valore economico, questo tipo di attività ci ha consentito di crescere tanto e velocemente. Alcuni degli aspetti qualificanti per i nostri ragazzi sono stati:

  • Lavorare in team internazionali
  • Impiegare metodologie di lavoro innovative
  • Confrontarsi con progetti dalle grandi dimensioni
  • Utilizzare prodotti in anteprima rispetto al mercato italiano
  • Vivere esperienze dall’alto valore umano e culturale

Il successo di questa storia è totalmente da attribuire al coraggio, alle competenze e all’organizzazione del nostro team tecnico. Accettare le allocazioni proposte da Red Hat, che nella maggior parte dei casi hanno richiesto spirito di adattamento e capacità di reazione e gestione delle situazioni impreviste, oltre che ovviamente competenze di altissimo livello, è stata la sfida continua accettata sempre con entusiasmo e orgoglio. Inoltre la regola aurea vigente in Extra è sempre stata quella che i consulenti in missione hanno potuto contare sempre del supporto del team, che da remoto, ha sempre fornito assistenza ai colleghi impegnati presso il cliente: quando allochi un consulente di Extra, allochi tutta Extra!

Un aspetto che merita una nota è quello logistico: prenotare voli e treni, scegliere alberghi, affittare delle case in talune occasioni, gestire le spese di trasferta, procurarsi visti per i passaporti, hanno richiesto l’attivazione di un servizio interno ad Extra che ha lavorato 7 giorni su 7 e si è sempre mostrato reattivo alle mille sollecitazioni e richieste.

Come scritto precedentemente, sono stati 30 i progetti nei quali siamo stati impegnati, progetti svolti in svariati ambiti: finanziario, assicurativo, retail, information tecnology, ecc., ma se devo menzionare uno fra tutti, preferisco selezionare quello fatto in Arabia Saudita. Tre persone di Extra sono state coinvolte in un progetto per circa 6 mesi con base nel grattacielo del principale operatore di TLC del paese a Riyadh.

 

 

L’organizzazione della trasferta ha richiesto un impegno non indifferente e la gestione di non poche difficoltà, ma l’erogazione del servizio in un paese ricco, ma difficile da vivere per un occidentale, è stata la vera sfida, che è stata ulteriormente complicata dalla coincidenza col mese di ramadan. Nonostante le difficoltà ambientali, che comunque i nostri ragazzi hanno superato e che si porteranno con loro come un’esperienza di vita eccezionale, anche questo progetto è risultato un successo dal punto di vista del delivery tecnico, fino a ricevere il massimo del punteggio che il cliente poteva dare sulla qualità del servizio.

Per conoscere meglio di cosa ci occupiamo e il mondo della Digital Transformation, scarica il nostro ebook,  cliccando sul pulsante sottostante:

Scarica l'ebook IT trend 2018: le tendenze della Digital Transformation

Share this post

   

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati