<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

La finanza agevolata per l'Industria 4.0: intervista a Warrant Hub

Daniele Cardesi,

Warrant Hub

La Finanza Agevolata è l'insieme delle misure con cui lo Stato e le altre istituzioni europee, nazionali e locali intendono fornire sostegno economico (a condizioni più vantaggiose di quelle offerte dal mercato dei finanziamenti) alle imprese per la realizzazione dei loro progetti di sviluppo. All'interno del progetto Iotsnap, in collaborazione con Extra Red, Warrant Hub è l'azienda che aiuta le imprese italiane a muoversi in questo intricato mondo di agevolazioni e sgravi fiscali per favorire lo sviluppo di un futuro in digitale nelle aziende italiane: oggi abbiamo fatto loro qualche domanda.

 

Scopri come sviluppare un progetto di Industria 4.0 in soli 5 step!

 

I bandi pubblicati dallo Stato ed i vari requisiti necessari per prenderne parte non sono sempre chiari, ma soprattutto nel panorama dell'Industria 4.0, la finanza agevolata si pone come un elemento a cui è difficile rinunciare per assicurarsi di trarre il maggior vantaggio economico dagli investimenti effettuati. Fortunatamente sono numerosi gli esempi di interventi statali in Italia volti proprio a favorire gli investimenti in questo senso e Warrant Hub si pone come intermediario di sostegno a tutte quelle aziende che decidono di approfittare di queste possibilità: scopriamo meglio come insieme a loro!

Qual è il contributo di Warrant Hub al panorama dell’Industria 4.0 in italia?

«Warrant Hub – Tinexta Group assiste e offre consulenza alle imprese nel reperimento ed utilizzo delle agevolazioni del Piano Nazionale Industria 4.0 (ora Impresa 4.0): iperammortamento, credito d’imposta ricerca e sviluppo, patent box , bonus formazione 4.0 e gli altri strumenti del Piano.
Inoltre, tramite la società controllata Warrant Innovation Lab, da dieci anni opera come punto di connessione tra il mondo accademico e le aziende italiane, con l’obiettivo di facilitare e promuovere l’innovazione continua e sostenere la competitività del tessuto imprenditoriale del Paese».

Quanto e perché è importante per voi sostenere le iniziative di Digital Transformation in Italia? Ritenete che si sia a un buon punto sul livello di trasformazione digitale delle aziende italiane?

«Quello della trasformazione digitale è un processo ampio e pervasivo, in quanto tocca l’intera catena di creazione del valore dell’azienda: se ben condotto consente il recupero di efficienza e può rappresentare la via per la conquista di nuovi mercati, di migliori margini o, in alcuni casi, la sopravvivenza.

Il principale fattore frenante per le imprese continua ad essere l’inerzia psicologica, aggravata dalla scarsa conoscenza – soprattutto da parte delle PMI - del potenziale offerto dalla digitalizzazione. Di fronte al cambiamento, la tendenza di molti imprenditori è ancora quella di non modificare qualcosa che funziona (o ha funzionato finora), mantenendo quindi lo status quo e rimandando eventuali interventi a un futuro non ben definito.

L’errore di fondo in questi casi è pensare che l’innovazione promossa da Industria 4.0 non sia altro che una forma tra le tante di incentivo all’“ammodernamento” (delle macchine, ad esempio, o dei singoli software). Invece – e qui s’innesta la poca consapevolezza che molti imprenditori hanno degli obiettivi ultimi del Piano – la finalità di Industria 4.0 è sì promuovere l’adozione di nuove tecnologie, ma per affrontare un percorso di trasformazione digitale che consenta alle imprese di reggere la concorrenza e incrementare la propria competitività mediante la digitalizzazione dei processi produttivi e l’adozione di nuovi modelli di business.

Ma anche in presenza di imprenditori “illuminati” - che abbiamo ben chiaro quanto sotteso dal paradigma dell’Industria 4.0 con i suoi concetti di integrazione e interconnessione intelligente tra tecnologie, macchine, processi e sistemi informativi - le sfide da affrontare per avviare questo importante cambiamento culturale e operativo non sono di poco conto».

Perché avete scelto di sostenere il progetto Iotsnap e a quale tipo di iperammortamento potranno accedere le aziende con Iotsnap?

«Riteniamo Iotsnap una piattaforma molto interessante per rispondere alle esigenze attuali delle aziende. Oggi più che mai, incontriamo aziende che mirano ad ampliare il loro business, a diversificare i loro margini, orientandosi non solo al prodotto bensì ai servizi ad esso connessi. È considerata sempre più importante la capacità di offrire servizi a corredo, già strutturati oltre che facili ed intuitivi nell'utilizzo.
Un progetto con Iotsnap, per le sue caratteristiche tecniche, è inoltre facilmente riconducibile al Piano Industria 4.0, con tutte le opportunità di agevolazione che lo stesso prevede»

Su quali tecnologie dovrebbero puntare le aziende 4.0?

Sicuramente le tecnologie abilitanti indicate nel Piano Industria 4.0 sono quelle su cui puntare. Come più interessanti per il futuro indichiamo l’Intelligenza Artificiale, la Block Chain, la Machine Learning e l’Industrial IoT».

Insomma, il momento è sicuramente quello giusto per muoversi verso le possibilità offerte dall'Industria 4.0 e le pratiche di finanza agevolata offerte dallo Stato sono più che utili in questo senso. La funzione svolta da aziende come Warrant Hub è poi vitale nel favorire la realizzazione di questo ormai inarrestabile processo di digitalizzazione: per approfondire l'argomento scarica il nostro e-Book gratuito 5 passi per sviluppare un progetto di Industria 4.0!

 

New call-to-action

Share this post

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati