<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1214412942025937&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Metodologia DevOps: cos'è e perché dovrebbe interessarti?

Davide Costanza,

Metodologia DevOps: cos'è e perché dovrebbe interessarti?

Probabilmente negli ultimi tempi avrai sentito parlare di metodo DevOps, oppure avrai letto questa parola su qualche rivista o blog dedicato al mondo IT. Con questo articolo cercherò di illustrarti brevemente il metodo DevOps: cos'è e perché questa nuova metodologia è così importante ed innovativa per il tuo business?

Il DevOps nasce dall'incontro tra development e operations. Questo nuovo metodo, in sintesi, spinge alla collaborazione, alla comunicazione e all'integrazione del lavoro tra gli sviluppatori di software e i sistemisti, fornendo all'organizzazione l’abilità di sviluppare applicazioni e servizi con la massima agilità e ad una velocità molto più alta. La maggiore agilità consente alle aziende di offrire servizi migliori ai clienti ed essere più competitive sul mercato.

 

Scopri come innovare il rilascio delle applicazioni grazie ai container!

 

Se entrambi i processi, quelli di sviluppo e di mantenimento dei sistemi su cui vengono installate le applicazioni, iniziano ad essere gestiti insieme, le performance migliorano, e parecchio. DevOps, quindi, non rappresenta solo una semplice metodologia, quanto piuttosto un indispensabile approccio più trasversale e collaborativo allo sviluppo del software: consente, infatti, l'evoluzione e il miglioramento dei prodotti a un ritmo più serrato rispetto alle aziende che usano i tradizionali processi di sviluppo software e di gestione dell'infrastruttura.

Per far sì che i team dedicati a sviluppo e produzione non agiscano più separatamente, è necessaria un'evoluzione della mentalità e cultura aziendali. In alcune organizzazioni i due gruppi potranno addirittura essere fusi in un'unica unità.

Le aziende che adottano un modello DevOps, indipendentemente dalla loro struttura organizzativa, dispongono di team che annoverano tra le loro responsabilità il controllo dell'intero ciclo di vita di sviluppo e infrastruttura. I team si affidano all'automazione per velocizzare processi tradizionalmente manuali, lenti e soggetti a errore. Le tecnologie e gli strumenti impiegati aiutano i team a far funzionare ed evolvere le applicazioni in modo rapido e affidabile.

Perché il metodo DevOps è importante?

Il software e Internet sono i due fattori che hanno cambiato radicalmente il mondo e la sua economia, a partire dal modo di fare shopping, fino all'intrattenimento e al settore bancario. Il software non è più solo un supporto per il business; è diventato un componente integrante di qualsiasi organizzazione.

Le aziende interagiscono con i loro clienti tramite prodotti software, sotto forma di applicazioni o servizi online che è possibile utilizzare su molti dispositivi diversi. Impiegano altri prodotti software per migliorare l'efficienza operativa apportando trasformazioni a qualsiasi anello della catena di valore, ad esempio nella logistica, nelle comunicazioni e in produzione. Pertanto, oggi, le aziende devono trasformare il modo in cui creano e distribuiscono il loro software, come le industrie che creano beni materiali hanno trasformato nel corso del XX secolo il modo in cui progettavano, creavano e distribuivano i loro prodotti attraverso l'automazione industriale.

Metodologia DevOps cos'è

Prima della nascita della metodologia DevOps, gli sviluppatori di software (dev) e i sistemisti (ops) erano separati, anche fisicamente. Tra i due team non vi era comunicazione diretta, il lavoro era diviso in silo e le due metà comunicavano esclusivamente tramite i ticket (normalmente inviati dai dev agli ops).

All’avvio di un nuovo progetto software la situazione era più o meno questa: si creava un team composto da soli sviluppatori, senza alcun ops. Quando, per esempio, il cliente presentava esigenze specifiche tipicamente trattate dai sistemisti, vi erano due casi possibili: i dev potevano inviare un ticket agli ops oppure “rimbalzare” direttamente il problema a quest’ultimi, i quali però erano ignari della situazione e delle normali necessità del cliente in questione (al contrario degli sviluppatori che, invece, conoscevano bene il settore di business).

Con il DevOps, il modo di lavorare cambia: il metodo, infatti, prevede che fin dall’inizio del progetto si formino due team congiunti, dev + ops. Quando il project manager dà il via al progetto, mette su un team di dev che includa almeno un sistemista, il quale ha il compito di gestire le infrastrutture dal lato del cliente (vale a dire, supportare i dev nel gestire i sistemisti dei clienti stessi) e lato interno. Attraverso questa sinergia, non si ha più un sistema basato sui ticket, ma un sistema agile, basato sulla comunicazione. Favorendo la comunicazione, si minimizza il rischio di errori e soprattutto il rischio che emergano errori banali e facilmente evitabili. Si passa, quindi, da una gestione di reazione ai ticket, ad una gestione di partecipazione.

I vantaggi dell'approccio DevOps

Vantaggi della metodologia DevOps

  • Velocità: Processi più agili per velocizzare l’innovazione, migliorare l’adattamento ai cambiamenti dettati dal mercato e aumentare l'efficienza.
  • Automazione: Aumenta l’efficienza, grazie alla possibilità di automatizzare una serie di processi ripetitivi, e migliora la qualità del programmi grazie all'utilizzo di software in grado di fare test automatici.
  • Distribuzione rapida: Aumenta la frequenza delle nuove release per facilitare innovazione e miglioramento dei prodotti. La maggiore rapidità nel rilascio di nuove funzioni e correzioni di bug aumenterà il vantaggio sulla concorrenza. Inoltre, integrazione e distribuzione continua automatizzano le procedure di rilascio del software, dalla build alla distribuzione.
  • Affidabilità: Verifica che gli aggiornamenti delle app e le modifiche dell'infrastruttura siano sempre conformi agli standard di qualità per garantire affidabilità e produttività. Con l'integrazione e la distribuzione continua potrai verificare la sicurezza di ogni modifica. Col monitoraggio e la registrazione di log potrai mantenere sotto controllo le prestazioni in tempo reale.
  • Scalabilità: Gestisci l'infrastruttura e i processi di sviluppo su qualsiasi scala. Automazione e coerenza consentono di gestire sistemi complessi e soggetti a variazioni in modo efficiente e contenendo i rischi. Ad esempio, l'utilizzo di infrastrutture come codice permette di gestire ambienti di sviluppo, testing e produzione in modo iterabile e più efficiente.
  • Collaborazione migliorata: Crea team più efficaci con il modello DevOps, che attribuisce enorme importanza a valori come titolarità e responsabilità. I team di sviluppo e produzione potranno collaborare, condividere responsabilità e integrare i loro flussi di lavoro, riducendo le cause di inefficienza e migliorando i tempi di esecuzione.
  • Sicurezza: L'aumento della velocità non significa un minore controllo sulla conformità. Puoi adottare un modello DevOps senza dover rinunciare alla sicurezza grazie a policy di conformità automatizzate, controlli granulari e tecniche di gestione della configurazione.

 

L'approccio DevOps è la dimostrazione che solo attraverso collaborazione e comunicazione all'interno dei team è possibile stare al passo con l'innovazione. Nel caso del rilascio delle applicazioni, il DevOps può avvalersi dei container per automatizzare i processi e velocizzare ancora di più le attività.

Vuoi scoprire come? Scarica il nostro ebook gratuito "Modernizzare il rilascio delle applicazioni con i container", cliccando sul pulsante qui sotto!

Extra Red | Modernizzare il rilascio delle applicazioni con i container

Share this post

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati