<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1214412942025937&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Qual è la differenza tra Virtualizzazione e Cloud Computing?

Laura Pisano,

Che c'entra la pizza con Virtualizzazione e Cloud Computing?!

Scommetto che almeno una volta nella vita ti sei trovato con gli amici a guardare insieme una partita o un film. Inutile dire che in questi casi spesso entri in gioco anche una componente mangereccia, magari una bella accoppiata pizza+birra prima o durante la proiezione. Ma che c'entra la pizza con virtualizzazione e Cloud Computing? Be', non ci crederai, ma sono molto più vicini di quanto tu possa immaginare! Cerchiamo di fare un po' di chiarezza su cosa sono e come si differenziano queste tecnologie facendoci aiutare da una metafora... succulenta!

 

Scopri subito come ottenere un'infrastruttura Cloud in 5 step!

 

La Digital Transformation sta puntando i riflettori sul Cloud Computing, alimentando il confronto tra questa tecnologia e quelle più tradizionali, come la virtualizzazione.

Culinariamente parlando, potremmo dire che ricorrere alla virtualizzazione è come farsi la pizza in casa, mentre essere in cloud è come ordinare una pizza a domicilio. Vediamo in dettaglio cosa comporta scegliere un'opzione o l'altra. 

Che cos'è la Virtualizzazione?

Che cos'è la Virtualizzazione?

La virtualizzazione è presente già da un pezzo e ormai è conosciuta ai più, specialmente nel settore IT. La virtualizzazione aiuta le aziende a lavorare in modo più efficiente rispetto ai flussi di lavoro tradizionali o alle applicazioni installate direttamente su server fisico. Le organizzazioni possono fare affidamento su un ambiente sicuro utilizzando hardware e software gestiti internamente dal personale IT. La virtualizzazione prevede un software che astragga le infrastrutture fisiche al fine di creare diverse risorse dedicate: la tecnologia alla base della virtualizzazione è nota come Virtual Machine Monitor (VMM) o virtual manager, che separa gli ambienti di calcolo dall'infrastruttura fisica effettiva.

I workload tradizionali sono ben supportati dai prodotti di virtualizzazione aziendale, poiché sono in grado di funzionare su istanze virtuali anche i software obsoleti ai quali sono legati i carichi di lavoro: la virtualizzazione consente di eseguire sullo stesso server più sistemi operativi e più applicazioni contemporaneamente. In tal modo, è possibile per le aziende ridurre i costi IT aumentando allo stesso tempo l'efficienza, l'utilizzo e la flessibilità degli hardware esistenti.

La tradizionale virtualizzazione è molto simile alla preparazione di una pizza. Se da una parte hai infatti bisogno di costruire, configurare e mantenere nel tempo l'ambiente virtuale procurando hardware e software, dall'altra hai la necessità di cucinare una pizza procurandoti tutti gli ingredienti necessari all'impasto e alla lievitazione. E se nell'IT hai bisogno di più risorse, devi ricominciare quel processo e costruire le risorse aggiuntive di cui ho bisogno, così come se dovessi preparare più impasti a seconda di quanti sono gli invitati. Una volta poste le basi, avrai quindi bisogno di dimensionare l'architettura (capire quanto grandi fare le pizze), il sistema operativo da utilizzare e il software che vuoi virtualizzare (la farcitura), dopodiché potrai realizzare le VM richieste (procedere con la cottura): se esiste un gruppo IT aziendale, è possibile eseguire metà di questo processo, ma è comunque necessario creare ogni nuova VM, configurarla, configurarne il software, mantenerla e così via.

Che cos'è il Cloud Computing? 

Che cos'è il Cloud Computing?

Se ci pensi, in pizzeria seguono più o meno lo stesso procedimento che svolgi a casa. E proprio questo procedimento è ciò che sta alla base del servizio a domicilio, risparmiando a chi ordina la pizza l'onere della preparazione. Il paragone culinario con la virtualizzazione e il Cloud Computing è quantomeno azzeccato poiché, allo stesso modo, la prima è la tecnologia fondamentale che alimenta la seconda.

Il cloud offre agli utenti l'accesso ai dati ovunque si trovino, con l'unico requisito di essere connessi a Internet. Nelle aziende in costante evoluzione di oggi è fondamentale che le persone ottengano ciò di cui hanno bisogno quando ne hanno bisogno, sul proprio computer, tablet o cellulare, in ufficio, fuori sede o in viaggio. Questa è esattamente la comodità offerta dal Cloud Computing. Il Cloud Computing è un termine generico per diversi tipi di servizi cloud, tra i quali annoveriamo lo Storage, il Backup e l'Hosting, il tutto tramite un'offerta SaaS.

Quindi, quali sono le differenze?

Cosa cambia per un utente utilizzare Virtualizzazione o Cloud Computing?

Essenzialmente, la virtualizzazione riguarda software che manipolano l'hardware, mentre il Cloud Computing si riferisce a servizi che sono il risultato di tale manipolazione. Il cloud può quindi includere prodotti di virtualizzazione al fine di fornire un servizio di elaborazione: un vero cloud fornisce anche funzionalità self-service, elasticità, gestione automatizzata, scalabilità e servizi pay-as-you-go che non riguardano la virtualizzazione.

Quindi, in qualche modo il cloud non solo include la virtualizzazione, ma ne espande le potenzialità. Possiamo vedere il Cloud Computing come un'evoluzione della virtualizzazione: i clienti che virtualizzano i loro server hardware possono adottare il Cloud Computing per aumentare il self-service, la scalabilità, i livelli di servizio e l'agilità.

La virtualizzazione può fare in modo che una risorsa funzioni come molte, mentre il Cloud Computing consente a diversi reparti (tramite cloud privato) o aziende (attraverso un cloud pubblico) di accedere a un singolo pool di risorse con provisioning automatico.

Con il cloud, se hai bisogno di una nuova VM puoi semplicemente selezionare la sua immagine da un catalogo condiviso e ottenere il prodotto. Tutto qua. Non hai bisogno di sapere da dove provenga il sistema operativo, né su quale hardware o host sia eseguito, o qualsiasi altra informazione, a parte quale tra Windows o Linux eseguire. In quanto utente finale, il fatto che l'hardware sia già presente e che l'infrastruttura sia già configurata ti permette di non preoccuparti dell'utilizzo o del dimensionamento delle risorse, fermo restando che pagherai maggiormente -come ovvio- qualora tu ne utilizzi di più. 

Il Cloud Computing è in grado di rispondere rapidamente alle tue esigenze come un comodo servizio a domicilio

Chi ha un'infrastruttura virtuale, generalmente, la ha "in casa" e deve poi assicurarsi di avere un'area sistemi e delle competenze avanzate in grado di gestirla, con il vantaggio di un totale controllo e sicurezza. Il cloud offre un parallelo con il cloud di tipo privato. Tuttavia il cloud offre anche le versioni ibride e pubbliche che permettono un salto di livello in più a quelle aziende che non si vogliono dedicare al substrato più "basso" dell'infrastruttura. Possiamo dire che, a livello meramente infrastrutturale, virtualizzazione e Cloud Computing non differiscono molto: la vera differenza per l'acquirente è che il cloud permette, in aggiunta, la possibilità di fruire semplicemente del servizio "senza sapere cosa c'è dietro".

Per tornare alla nostra pizza, possiamo dire che il Cloud Computing è in grado di rispondere rapidamente alle tue esigenze come un comodo servizio a domicilio, considerato che non è necessario preparare in prima persona tutto il necessario. Devi solo sederti e usufruire del servizio! E se intendi avere maggiori funzionalità, puoi espandere in maniera semplice l'utilizzo delle risorse: è come se tu volessi ordinare una pizza o una bibita in più, basta una telefonata.

Ovviamente ci sono vantaggi ricorrendo a entrambi, virtualizzazione e Cloud Computing, proprio come alcune persone preferiscono la pizza fatta da loro a quella ordinata in pizzeria. Ma se pensi ai due diversi scenari, uno nel quale devi passare un bel po' di tempo a comprare gli ingredienti, cucinare, far lievitare e infine cuocere, e uno in cui ti basta una sola telefonata per avere lo stesso risultato con minor sforzo, potrai ben capire come virtualizzazione e Cloud Computing siano due aspetti tanto simili quanto diversi!

Un nuovo approccio 

La Digital Transformation apre a nuovi approcci

La cosa fondamentale da comprendere è che l'avvento della Digital Transformation non solo ha favorito l'ingresso di nuove tecnologie nella nostra vita e nelle nostre organizzazioni, ma ha anche contribuito a modificare la visione e l'approccio nei confronti di quelle già esistenti. Il Cloud Computing, infatti, non è solo una nuova architettura tecnologica, ma rappresenta un nuovo modo di pensare l'IT incentrato sulla fruizione dei servizi anziché sul possesso delle risorse.

Il cloud e i suoi strumenti flessibili e dinamici invogliano gli utenti a cambiare anche punti di vista e metodologia quando passano a questa tecnologia. Forse molte di queste cose si sarebbero potute realizzare anche prima, ma il nuovo paradigma della Digital Transformation sta creando e facilitando senza dubbio un flusso tecnologico di ammodernamento su tutti i livelli.

Se hai intenzione anche tu di prendere parte a questo rinnovamento tecnologico, puoi cominciare subito a fare affidamento su una infrastruttura cloud efficiente che supporti la tua organizzazione lato IT. Come fare? Scarica subito l'eBook gratuito e scopri i 5 passi per realizzare un'infrastruttura cloud di prima classe!

New Call-to-action

Condividi l'articolo!

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

  

Post correlati