<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1267344923293614&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Red Blog

Argomento scelto: devops, post trovati: 14

Come cambia il lavoro per i Dev e gli Ops con l'introduzione di Openshift

Davide Costanza,

In altri articoli, già pubblicati sul blog di Extra Red, abbiamo approfondito i temi dell’approccio DevOps, delle metodologie e degli strumenti necessari per poterlo implementare, fino a descrivere come OpenShift possa essere utilizzato come Container Platform per implementare le pipeline di produzione del software all’interno di una organizzazione. In questo articolo invece voglio mettere l’enfasi sul come i ruoli dello sviluppatore software (Dev) e quello del sistemista (Ops) cambierebbero con l’introduzione del DevOps attraverso l’automazione spinta, il self-service e la replicabilità delle pipeline.

Leggi di più...

L'innovazione continua di Smartbow nel settore allevamento con Red Hat OpenShift

Stefano Marfella,

Oltre che una gallina dalle uova d'oro, possiamo paragonare i dati a una mucca da mungere, con l'aiuto di container, applicazioni basate su microservizi e piattaforme di orchestrazione.

Più che una similitudine azzardata, questo è un caso reale: quello di un'azienda che ha scelto la piattaforma Red Hat OpenShift per fare il salto di qualità e servire al meglio i propri clienti, per lo più allevatori di bovini. Si sente sempre più spesso parlare di Big Data applicati all'agricoltura, ma la società austriaca Smartbow ci porta direttamente nei pascoli e nelle fattorie degli allevatori di una trentina di Paesi. Sì, perché bow in questo caso non significa arco ma proprio bovino ed è un ottimo esempio di come il potenziale d'innovazione racchiuso nei container non abbia davvero limiti e superi ogni stereotipo.

Leggi di più...

UPS migliora i tempi di consegna grazie a un ambiente cloud agile e DevOps

Stefano Marfella,

Chi fa della rapidità di consegna una delle proprie missioni ha a sua volta bisogno di velocità. Piattaforme per container, tecnologie a firma Red Hat, metolodogia agile e DevOps sono gli strumenti che hanno permesso a UPS di trasformarsi e guadagnare una marcia in più nel business dei servizi di trasporto e logistica.

United Parcel Service, meglio nota attraverso il suo acronimo, è un'azienda davvero storica: è stata fondata come compagnia postale nel 1907 a Seattle, con un altro nome, per poi svilupparsi di decennio in decennio fino a diventare un colosso multinazionale. Ogni giorno i suoi dipendenti fanno circolare e tracciano il viaggio di pacchi e documenti in tutto il mondo, su trasporto stradale o aereo. Come sostenere l'intero sistema?

Leggi di più...

La Digital Transformation di Lenovo con Red Hat Openshift Container Platform

Stefano Marfella,

Nemmeno i colossi della tecnologia finiscono mai di migliorare e di trasformarsi. Lenovo, secondo marchio mondiale di PC nonché protagonista nel campo dei server, dei sistemi di supercalcolo, dei tablet e degli smartphone, si è imbarcata in un progetto di trasformazione digitale abbracciando "Internet Plus", la strategia di crescita nazionale, economica e tecnologica voluta dal governo di Pechino.

L'obiettivo è quello di rafforzare la posizione di mercato delle aziende cinesi nei campi del Web, del cloud computing, dell'Internet of Things, del commercio elettronico, del banking, delle reti industriali e altro ancora. Le applicazioni devono essere il cuore di una nuova ondata di servizi, dunque è importante svilupparle in modo rapido e agile, come solo il cloud e i container permettono di fare.

Leggi di più...

Il caso KeyBank: application delivery ridotta da 3 mesi a una settimana grazie ai container

Stefano Marfella,

I tempi di rilascio delle applicazioni possono essere lunghi per qualsiasi azienda e ancor di più per chi, come le banche, ha a che fare con regolamenti rigidi e organigrammi complessi. Ma con l'open source e con metodi DevOps anche una realtà "tradizionale" e regionale come la KeyBank di Cleveland, Ohio, ha potuto ridurre drasticamente i tempi necessari per rilasciare nuove versioni dei propri software: da tre mesi, in media, a una settimana. Una vera e propria rivoluzione, tecnologica ma anche culturale!

Leggi di più...

Innovare più rapidamente grazie a DevOps e Red Hat OpenShift

Davide Costanza,

Le moderne piattaforme basate sulla tecnologia dei container, dell'architettura a microservizi e del cloud sono fattori chiave per lo sviluppo basato sulla metodologia DevOps, e contribuiscono a garantire servizi software innovativi per il business digitale. Scopriamo insieme in che modo la piattaforma applicativa per container Red Hat OpenShift può supportare un'innovazione più rapida.

Leggi di più...

I migliori 7 DevOps Tools

Davide Costanza,

Il DevOps oggi non è più un oggetto misterioso: di questa metodologia si parla ormai da anni, con crescente consapevolezza dei suoi vantaggi. Intrecciare le attività di development e le operations permette di accelerare la creazione, il testing, le modifiche e i rilasci delle applicazioni, potenziandone allo stesso tempo la sicurezza e l'affidabilità. Ribaltando il tradizionale approccio basato sui ticket, si adotta un sistema fondato sulla comunicazione e sull'interazione. Un sistema in cui si possono apportare correzioni e miglioramenti strada facendo, attraverso continui feedback, anziché risolvere i problemi solo alla fine, e ci si può adattare alle richieste del cliente o ai cambiamenti del mercato in modo più tempestivo.

Ma c'è un'altra faccia della medaglia. Se con l'approccio tradizionale sviluppatori e sistemisti percorrono binari separati, con il DevOps comunicano e interagiscono molto di più. È un approccio "polifonico", per così dire, a più voci, che possono iniziare a cantare in momenti diversi e su tonalità diverse, ma che devono rispettare i tempi e le armonie. Il rischio che questa pluralità di voci si trasformi in caos esiste. Insomma, il DevOps ti metterà alla prova se ancora non sai maneggiarlo e se non utilizzi i giusti strumenti.

Leggi di più...

Container security: come rendere sicura la container pipeline

Luigi De Masi,

Le applicazioni e i servizi messi in "scatola" sono al sicuro? È una domanda lecita da porsi, perché da qualche anno i container godono di popolarità crescente, mentre applicazioni e dati sono sempre più esposti a rischi di varia natura.

La popolarità è meritata: i container software aiutano aziende e sviluppatori a creare, confezionare e distribuire con maggiore facilità applicazioni, servizi e relative dipendenze, su diversi ambienti e destinazioni di deployment (server fisici, macchine virtuali, cloud pubblici o privati). Ma tutto ciò comporta alcune sfide dal punto di vista della sicurezza, perché in questo contesto le classiche policy statiche non risultano efficaci. C'è bisogno, invece, di una protezione continua e dinamica lungo tutta la catena che parte dallo sviluppo dell'applicazione e arriva alla produzione.

Leggi di più...

DevOps: 3 aspetti da considerare per snellire i tuoi processi

Davide Costanza,

Il termine DevOps deriva dall'incontro fra gli sviluppatori di software (development) e i sistemisti (operations) e indica un approccio che integra nella cultura aziendale nuovi elementi di collaborazione, automazione e platform design. Questa metodologia punta a ottimizzare e accelerare le fasi di sviluppo, deploy, release e mantenimento di nuovi software, tendenzialmente progettati per funzionare su un'infrastruttura cloud. Grazie ai DevOps le applicazioni e i prodotti software vengono così sviluppati più rapidamente e in modo più flessibile, gestendo in parallelo anche il mantenimento dei sistemi su cui vengono installati i programmi.

Andiamo dunque ad approfondire tre temi di importanza centrale per la metodologia DevOps: la cultura aziendale, l'automazione e le piattaforme.

Leggi di più...

Openshift: cos'è e perché piace ai Dev, agli Ops e al business

Davide Costanza,

In un precedente articolo ho avuto modo di parlare dei vantaggi dell'elasticità del cloud e dei risultati che si possono ottenere grazie al passaggio da server mutabili (VM) a potenzialmente immutabili (container).

Per raggiungere tali risultati è necessario gestire i container così come viene gestito il codice sorgente: bisogna introdurre un workflow di CI/CD che coinvolga anche i container.

La piattaforma Red Hat Openshift ha un vantaggio fondamentale rispetto ad analoghi prodotti che servono a gestire i container (orchestratori di container): permette di definire un workflow di CI/CD completo, che parte dal codice sorgente dell'applicazione e dal codice che descrive le immagini per giungere al deploy delle applicazioni containerizzate.

Leggi di più...

Share this post

  

Commenti

Prova Red Cloud Gratis per 30 Giorni

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo blog

   

Post correlati