<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336490476836615&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Smart Blog

5 aspetti da esaminare prima di scegliere uno strumento di Sentiment Analysis

Davide Avella,

5 aspetti da considerare prima di scegliere uno strumento di Sentiment Analysis

Stare al passo con tutti i social network (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn, Vine, Snapchat, Periscope…) è di per sé complicato: come riuscire a scegliere lo strumento giusto per ascoltare quello che viene discusso al loro interno?

Sul web è possibile trovare tantissime piattaforme e strumenti di Sentiment Analysis e di Social Listening. Si va da zero a migliaia di euro al mese: il problema più grande è capire quali siano quelli buoni, quali rispondano alle tue specifiche esigenze e, soprattutto, capire da dove cominciare.

Scopriamolo insieme in 5 punti!

 

Leggi subito "3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter"!

 

1. Quanto puoi permetterti di spendere?

5 aspetti da considerare prima di scegliere uno strumento di Sentiment Analysis

Non ti spaventare, esistono soluzioni per tutte le tasche. Però è bene mettere in conto il budget da dedicare alla Sentiment Analysis: in questo modo potrai restringere il campo ed evitare di innamorarti follemente di uno strumento che in realtà è ben fuori dalla tua portata.

Considera poi che solitamente la piattaforma che sembra avere il prezzo più ragionevole non si rivela infine la scelta migliore. Può infatti venire a costare molto di più per il numero di account o licenze aggiuntive che sei costretto a sommare al prezzo iniziale per assecondare tutte le tue necessità. Sotto questo punto di vista, magari un’altra opzione di base un po’ più costosa potrebbe essere una scelta preferibile.

Ci sono soluzioni che offrono la possibilità di usufruire di funzioni via via più sofisticate all’aumentare del prezzo dell’abbonamento. Considera se è il caso di cominciare con la tipologia base. Se soddisfa pienamente le tue esigenze, potresti valutare il passaggio al livello superiore, magari un po’ più costoso ma più vantaggioso per i tuoi scopi. Sicuramente devi considerare tutti i vantaggi che ti vengono offerti e cercare di essere flessibile: se individui una piattaforma che costa 50€ al mese in più di quanto avevi previsto, ma che ha assolutamente tutto ciò di cui necessiti, potrebbe davvero valere la pena ritrattare il budget.

2. Quali dati puoi ottenere con questo strumento?

5 aspetti da considerare prima di scegliere uno strumento di Sentiment Analysis

Se sei su Instagram e Facebook, e la piattaforma che hai individuato monitora Twitter, LinkedIn e Google Plus... be’, magari non è la scelta migliore per te. Pochissime piattaforme coprono tutti i siti, in special modo quelle che richiedono un budget piuttosto consistente. Ora, si potrebbe ritenere opportuno essere in ascolto su tutti i social network, indipendentemente dalla propria presenza. Sicuro, è vero, ma fino a un certo punto! Talvolta è più utile guardare dove siamo presenti per avere un focus maggiore. Ad ogni modo, potresti utilizzare alcuni strumenti per il monitoraggio di base poco costosi per quei social che non stai presidiando.

Inoltre, considera nello specifico quali informazioni deve fornirti lo strumento di Sentiment Analysis che stai cercando, e in che modo: ti interessano solo i like e i retweet? Puoi utilizzare le metriche misurate per mappare i tuoi obiettivi? Come vengono presentati i dati? Puoi ottenere dati storici? Devi capire che tipo di dati hai bisogno e valutare quale strumento possa fare al caso tuo. Ciò è strettamente connesso ai seguenti quesiti che dovresti porti:

  • Puoi esportare i dati? Probabilmente dovrai presentare i dati a qualcuno: a un cliente, a un capo o a un collega. Probabilmente avrai bisogno di esportarli e inserirli in un bel report. Quindi, se vuoi esportarli, che formato ti serve? È un formato che puoi manipolare senza bisogno di qualcuno che ti aiuti?
  • Si integra con altre piattaforme? È molto più semplice presentare i dati se riesci a riunirli tutti insieme e mappare l’insieme. Ad esempio, probabilmente utilizzi Google Analytics o HubSpot per monitorare il traffico al tuo sito. Se la tua piattaforma di Sentiment Analysis non si integra con uno di questi strumenti, potrai subire rallentamenti nella raccolta e presentazione dei dati perché impossibilitato a riunirli e vedere come si rapportano e influenzano tra di loro.
  • Fornisce i benchmark di tuo interesse? Riesci a vedere come ti stai comportando rispetto ai tuoi dati storici? Rispetto ai concorrenti? Agli standard di settore? Questo tipo di informazioni sono solitamente disponibili nei prodotti di fascia alta, ma potrebbero esserti di grande aiuto. Di nuovo, devi capire quali sono le tue esigenze e trovare la piattaforma giusta per te.

3. La piattaforma monitora i social network o ti consente anche di gestirli?

Social network

In altre parole: questo strumento è solo in ascolto o ti dà anche la possibilità di pubblicare sui tuoi account social? Potresti non aver bisogno di entrambi. Forse hai solo bisogno di ascoltare perché hai già altri strumenti che ti permettono di gestire i tuoi presidi social. Forse nella tua ricerca potresti trovare uno strumento che prevede sia l’ascolto che una migliore gestione di quella che attualmente hai. Valuta bene. L’importante è non pagare per funzionalità di cui non hai bisogno!

4. Come è il servizio clienti?

Servizio clienti

Compreresti mai la tua macchina dei sogni a zero euro se non avessi a disposizione pezzi di ricambio nel raggio di mille chilometri?! La migliore piattaforma al mondo non è così buona se non riesci a farti aiutare da nessuno quando le cose vanno male. E anche la migliore piattaforma al mondo può avere qualche intoppo di tanto in tanto. Questo implicherà un po’ di lavoro per casa: chiedi in giro, leggi le recensioni, ascolta cosa dice la gente sulle piattaforme di Sentiment Analysis che hai individuato.

5. The last but not the least: fai sempre la prova gratuita!

Prova gratuita

Fai sempre la prova gratuita. Per tornare sul paragone automobilistico, compreresti mai una macchina senza averci fatto un giro di prova? Ovviamente no. Perché dovresti iniziare a pagare una tariffa mensile per un servizio se non sei sicuro che farà ciò di cui hai bisogno o se pensi che potresti non essere a tuo agio usandolo?

Inoltre, fai in modo che qualcuno ti guidi attraverso una demo. Guarda cosa fa la piattaforma e come funziona. È molto più semplice iniziare a utilizzare uno strumento se qualcuno ti mostra cosa può fare e come.

Puoi comprendere tutti i vantaggi dell'analisi del Sentiment sui Social Media analizzando 3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter eseguita tramite Social Grader. Scaricali con un clic! Ti anticipo che i risultati sono davvero sorprendenti:

3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter!

Share this post

   

Commenti

New call-to-action

Iscriviti alla Newsletter

Condividi questo blog