<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336490476836615&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Smart Blog

Sei stato buono? La Business Intelligence aiuta Babbo Natale a capirlo

Francesco Pini,
Sei stato buono? La Business Intelligence aiuta Babbo Natale a capirlo

Natale è alle porte. Tante luci, tanto ghiaccio, ma soprattutto tanta attesa per i doni sotto l’albero!

Babbo Natale palesa il suo lavoro durante una sola notte, ma c’è veramente molta molta fatica dietro, un lavoro che dura tutto l’anno. Ma come fa Babbo Natale a gestire tutte le informazioni necessarie a fabbricare e consegnare giocattoli ai bambini buoni di tutto il mondo? Semplice, con la Business Intelligence!

 

 

Scopri i 3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter

 

 

Letterine, email, fogli excel: quante informazioni da gestire!

 

Milioni di regali per milioni di bambini. Anzi, per milioni di bambini buoni. Per comprendere chi è stato buono durante l’anno, Babbo Natale si avvale dell’aiuto dei suoi fedelissimi collaboratori: tantissimi elfi che tengono nota dei comportamenti positivi e negativi dei bambini di tutto il pianeta.

Ma non tutti gli elfi tengono note allo stesso modo: c’è chi si segna le cose su un pezzetto di carta, chi si porta dietro il tablet e compila dei fogli excel, chi si segna dei memo sul cellulare, chi invia mail periodiche alla sede centrale con le valutazioni. Questo modus operandi può diventare problematico quando si parla di grandi numeri: la comprensione di grandi moli di dati è possibile infatti solo se vi è uniformità e omogeneizzazione.

A Babbo Natale non arrivano più solo le classiche letterine cartacee!

Se da una parte è necessario uniformare i dati raccolti dagli aiutanti di Babbo Natale, dall'altra bisogna anche fare i conti con la miriade di richieste di regali da parte dei bambini! Ormai non ci si affida più soltanto alle letterine, ma entrano in gioco anche email, telefonate, messaggi sui social media e tanto altro: mondo online e offline si fondono. Fortunatamente esistono strumenti in grado di integrare are queste due realtà in un unico database!

La Business Intelligence, infatti, consente di gestire grandi quantità di dati (Big Data Management) permettendo a Babbo Natale di raccogliere in un unico database tutte queste informazioni provenienti da fonti anche molto diverse tra loro. Quindi, omogeneizzando il tutto, sarà possibile attingere a un’unica e pulita fonte di informazioni.

Sei stato buono? Vediamo cosa mi dice il grafico...

Le dashboard supportano Babbo Natale nelle sue decisioni

Bene, ora che in Lapponia sono confluite in un unico punto tutte le informazioni necessarie a valutazione, produzione e consegna, è il momento di entrare in azione. Anzi no, perché tutti questi dati sono sotto forma di numeri e codici: servono strumenti di Data Visualization in grado di trasformare lettere e numeri in report visivi.

Software di Business Intelligence come Pentaho Business Analytics mettono a disposizione metodi di rappresentazione dei dati con interfacce drag&drop, integrate con librerie ricche di modelli di visualizzazione. Così Babbo Natale può consultare tabelle, grafici e dashboard e capire se un bambino è stato buono o cattivo, oltre che a identificare i regali più richiesti.

#BabboNatale & l'analisi dei soci@l network!

Si sa che i business più longevi sono quelli che riescono a stare al passo coi tempi. Visto che Babbo Natale continua da anni e anni la sua attività, possiamo ritenerlo un vero e proprio manager capace di adattarsi e innovare. Infatti, di recente è sbarcato sui Social Network, per monitorare i trend emergenti che riguardano i giocattoli. Come? Con la Sentiment Analysis!

Con la Sentiment Analysis su Twitter, ad esempio, Babbo Natale può analizzare i tweet di tutto il mondo, identificando quali sono i giocattoli più apprezzati e quali meno, addirittura discriminando la ricerca seconda la regione o zona geografica. Oppure può indagare se i regali consegnati in passato siano piaciuti e quanto. Il vantaggio è sicuramente quello di poter ottimizzare la produzione anticipando le richieste ed evitando di realizzare giocattoli poco graditi.

Anche Babbo Natale è su Twitter!

La Sentiment Analysis rientra nel più ampio mondo della Business Intelligence, cioé tutta quella serie di strumenti e processi che permettono alle imprese di raccogliere e analizzare i dati al fine di orientare le proprie decisioni strategiche.

Non è magia di Natale, è realtà! Puoi comprendere tutti i vantaggi dell'analisi del Sentiment sui Social Media analizzando 3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter eseguita tramite Social Grader, lo strumento sviluppato da Extra Smart. Scaricali con un clic:

Richiedi 3 casi d'uso della Sentiment Analysis su Twitter!

Condividi l'articolo

   

Commenti

New call-to-action

Iscriviti alla Newsletter

Condividi questo blog