<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1797485540496911&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Vision Blog

10 KPI retail che puoi migliorare grazie al retail management in cloud

Jagoda Saccucci,
Sfruttare tecnologie in Cloud per il retail management

Ogni vendita è una conquista per gli operatori del retail, oggi più che mai. Migliorare gli indicatori di prestazione, o Key Performance Indicator (KPI), è vitale per poter tenere testa a quella concorrenza che, a partire da colossi come Amazon e Asos, è riuscita a sfruttare al meglio le tecnologie su cloud, come per esempio gli ERP per il retail management. Il segreto per riuscire in questo è l'omnichannel: l'esperienza di acquisto e la comunicazione fra azienda e consumatore devono essere un continuum coerente su tutti i canali, sia digitali che fisici. Evolversi in tale direzione è vitale, non solo perché la competizione diventa sempre più impegnativa, ma anche perché i clienti esigono il massimo del risparmio e della personalizzazione della customer experience, e allo stesso tempo vogliono avere anche un contatto umano con i brand. Serve l'effetto “wow”!

 

Scopri le sfide del retail vinte grazie al Cloud Computing!

 

Oggi si può fare shopping davvero ovunque – nei negozi tradizionali, sui siti Web, tramite le app – si possono confrontare prezzi e offerte, e questo per i retailer rappresenta allo stesso tempo una sfida e un'opportunità. Una sfida, perché competere è impegnativo, e un'opportunità, perché attraverso ogni  singola interazione sui canali digitali i consumatori producono enormi quantità di dati: cookie dei siti Web, utilizzo delle app, profili registrati, transazioni su Pos e sistemi di pagamento online, attività sui social network e tanto altro ancora. Ed è proprio grazie al cloud che questi dati, se analizzati a dovere, possono germogliare e trasformarsi in frutti.

KPI retail che migliorano grazie al cloud

Così come in molti altri settori, anche nel retail la “nuvola” può significare risparmio, efficienza nelle operazioni e incrementi di fatturato. Adottando sistemi di ERP per il retail management basati su cloud potrai migliorare notevolmente i tuoi KPI: taglierai i costi, comprenderai meglio la domanda, gestirai meglio l'intera supply chain, otterrai clienti più soddisfatti e fidelizzati. In definitiva, aumenterai i tuoi profitti. Non ci credi ancora? Allora vediamo insieme uno per uno i 10 KPI retail più significativi per il tuo business, per i quali la scelta di un ERP basato su cloud è cruciale.

1. Visione del cliente a 360

Visibilità a 360 gradi con gli ERP cloud

Un ERP cloud racchiude i dati raccolti da varie fonti (Web, applicazioni, negozi fisici, aziende partner) e li analizza in tempo reale per ottenere degli insight. Una ricerca di SL Associate riporta come la visibilità e gli insight sul cliente aumentino, grazie al cloud, del 30-60%. Parlo di visibilità “a 360 gradi” perché avrai a disposizione un'immagine multidimensionale dei tuoi clienti, potendone osservare l'identità anagrafica, l'inclinazione alla spesa, le preferenze e i desideri di shopping, e persino l'evoluzione di queste caratteristiche nel tempo. Avrai, inoltre, un'immagine completa e aggiornata di tutta la rete di vendita. 

2. Margine di profitto

Il fine delle attività commerciali è la differenza "positiva" tra ricavi e costi. Con l'analisi dei dati potrai ridurre inefficienze e spese evitabili di vario tipo, intervenendo sugli acquisti e sull'inventario, sulle politiche di prezzo, sul merchandising, sulla logistica e sulla gestione del punto vendita. Il cloud permette un continuo scambio di dati tra tutti gli elementi presenti nel sistema, ciò fa sì che in ogni momento e in ogni punto della catena sia possibile procedere in maniera ottimizzata, aumentare le vendite e di conseguenza il margine di profitto.

Una tecnologia cloud non ti obbliga a grandi spese infrastrutturali iniziali, ed inoltre, alcuni fornitori offrono un modello di fruizione “pay per use” flessibile e scalabile anche nei costi.

3. Fidelizzazione

Un cliente soddisfatto è un cliente fedele e la sua soddisfazione può essere tradotta come possibilità di compiere nuovi acquisti e dunque aumentare le vendite del 3-5%. 

I KPI retail della fidelizzazione misurano la capacità di usare i comportamenti di fidelizzazione e affezione al brand ed i retail management in cloud sono sistemi fondamentali nella gestione dei programmi di fidelizzazione dei clienti. Possono, ad esempio, garantire che i retailer abbiano la giusta varietà di prodotti e punti di prezzo, aumentando il numero e il valore dei prodotti acquistati da ciascun cliente. Con l'analisi di dati eterogenei, aggiornati in tempo reale e resi disponibili via cloud, potrai capire come elevare la customer satisfaction attraverso un servizio ritagliato sulle caratteristiche specifiche della persona, del canale o dell'occasione di acquisto.

4. Tasso di conversione online

Il tasso di conversione è il tasso al quale gli utenti del tuo sito di e-commerce stanno convertendo e viene calcolato dividendo il numero totale di visitatori per il numero totale di conversioni. Nei KPI retail, il tasso di conversione è il primo indice per misurare la soddisfazione del cliente. 

Per portare traffico su una pagina e-commerce possono bastare una buona campagna di comunicazione o un'offerta allettante, ma molto spesso potenziali clienti si perdono per strada, senza diventare clienti effettivi. L'ampia visibilità di tutte le dinamiche e gli ostacoli sul “percorso” che un ERP cloud offre, sarà un elemento essenziale per arrivare al traguardo della conversione. Il cloud, in particolare, migliora la web experience e porta  all'aumento della conversione online del 10-35%.

5.  Tasso di abbandono del carrello

Tasso di abbandono ERP Cloud

Sempre più rivenditori entrano nel regno delle vendite online e questi devono occuparsi di tutti gli aspetti della vendita, dai tassi di abbandono del carrello all'elaborazione rapida e accurata di ordini e spedizioni. 

Un tipico problema dell'e-commerce sono appunto gli ordini abbandonati a metà. A volte si cerca un prodotto, lo si mette nel carrello e poi non si procede. Oppure si è del tutto motivati a comprare, ma il sistema di elaborazione dell'ordine si inceppa per ragioni tecniche. O ancora, banalmente, la lentezza di caricamento delle pagine è scoraggiante.

L'analisi in tempo reale dei dati condivisi sarà fondamentale per capire dove intervenire e quindi migliorare la customer experience. Dall'analisi dell'esperienza di alcuni clienti di ERP in cloud è emerso che la conversione online può aumentare fino al 33% grazie all'ottimizzazione del carrello, della pagina di checkout e del processo di pagamento, oltre alla possibilità che gli ERP offrono di poter fornire informazioni precise sulla spedizione e altri dati specifici. 

6.  Tempo di elaborazione dell'ordine

Un indicatore imprescindibile da monitorare per migliorare i KPI retail sono i tempi di elaborazione degli ordini. Ci sono molti elementi che possono rallentare questo processo, ed il cloud può venirti incontro aiutandoti nel gestire in modo efficiente l'elaborazione dell'ordine con una serie di processi automatizzati che riducono i tempi di attesa per il cliente fino al 50%.

Alcuni esempi possono essere: controlli automatizzati antifrode con convalida automatica degli ordini, automatizzazione dei processi di comunicazione degli ordini ai fornitori, così come le notifiche di spedizione al cliente.

7.  Vendite ripetute

I clienti che tornano a comprare per più di una volta o anche abitualmente, sono particolarmente preziosi. Sono già stati conquistati, quindi richiedono sforzi di marketing minori. Ma che cosa li attrae davvero, perché sono così legati a un certo prodotto o a un marchio? E come evitare il rischio di perderli?

Gli ERP in cloud che dispongono delle funzionalità CRM integrate, permettono di monitorare le vendite ripetute ma ti consentono anche di creare e monitorare campagne di marketing altamente mirate basate su dati demografici e tendenze di acquisto con la possibilità di tenere traccia dei risultati in tempo reale. 

8.  Frequenza di visita

Un altro KPI per il retail da monitorare è la frequenza di visita dei clienti. Se porti traffico sulla piattaforma di vendita, sia essa un sito o un'app, non solo avrai più occasioni di vendita ma farai conoscere il tuo marchio e la tua offerta. Creerai, cioè, brand awareness. Gli insight ti aiuteranno a capire se quel traffico è generato da utenti casuali o da abitué e come spingere le persone a tornare a farti visita spesso.

Campagne basate su dati approssimativi portano a risultati non efficaci. Con  il marketing integrato puoi invece creare promozioni altamente mirate in base alla cronologia degli acquisti e alle preferenze specifiche di acquisto.

9.  Gestione dell'inventario

La gestione dell'inventario è un KPI retail fondamentale per ridurre le perdite. Il rischio di accumulare merce invenduta è speculare a quello, altrettanto problematico, delle rotture di stock. In un caso lievitano i costi, nell'altro si perdono potenziali ricavi.  Con in retail management in cloud puoi tenere sotto controllo l'assortimento nei vari magazzini, e più in generale puoi gestire oculatamente gli acquisti, la ricezione, lo stoccaggio e la distribuzione della merce.

Una previsione non efficiente della domanda e della pianificazione dell’inventario provocano perdite. Una ricerca sull'esperienza dei clienti di uno dei maggiori ERP Cloud sottolinea come questo ha ridotto le giacenze di magazzino del 19% grazie alla migliore e più granulare previsione che lo strumento offre.

10.  Supporto clienti

La rapidità di risoluzione dei problemi dei clienti può incrementare dal 30 al 50% con delle soluzioni cloud. Un esempio? Questi sistemi di retail management possono aiutare a rispondere più rapidamente alle richieste inviate via posta elettronica e, tramite i workflow, indirizzare rapidamente le richieste di assistenza ai clienti alla persona appropriata.

Inoltre, la visione a 360 gradi del cliente di cui ti ho già parlato, contribuisce a migliorare l'esperienza di assistenza, abbassandone i costi e aumentando la soddisfazione dei clienti. Chiunque si interfaccia con il cliente (vendite, supporto, servizi), ha accesso completo e in real time ai suoi dati chiave, riuscendo ad avere una visione completa delle attività da lui svolte su tutti i canali.

Nel retail, sapere è potere!

Visibilità Cliente ERP Retail

Sembra passato un secolo da quando per avere successo nella vendita bastava scegliere di puntare sull'ampiezza dell'offerta, sui prezzi o su una buona pubblicità. Eppure succedeva non troppi anni fa. Nel nuovo mondo del retail, segnato dalla convergenza di cloud computing, social media e tecnologie mobile, non puoi permetterti di deludere il cliente né di trascurare l'ottimizzazione di una sola voce di costo. Se sei curioso di scoprire come poter dare una marcia in più alle vendite, non ti resta che scaricare il nostro eBook gratuito: "5 sfide del Retail vinte grazie al Cloud Computing".

New call-to-action

Share this post

   

Commenti

NetSuite Demo Personalizzata

Iscriviti alla Newsletter

Condividi questo blog